Risparmio gestito, in fuga altri 6 mld a settembre

mercoledì 26 ottobre 2011 12:44
 

MILANO, 26 ottobre (Reuters) - La persistente incertezza sui mercati finanziari mette in fuga altri 6 miliardi dall'industria del risparmio gestito italiana a settembre. I riscatti, secondo le statistiche preliminari diffuse da Assogestioni, mostrano un'accelerazione rispetto ad agosto, che pur aveva visto deflussi per 1,74 miliardi, portando il rosso da inizio anno a superare i 14 miliardi.

Le gestioni di portafoglio, che pesano per il 51% del patrimonio gestito complessivo, hanno subìto riscatti essenzialmente sulla parte retail, con un deflusso complessivo per 1,32 miliardi.

L'emorragia più significativa continua a interessare le gestioni collettive, rappresentate essenzialmente dai fondi aperti (dove il rosso più che raddoppia a -4,7 miliardi da -2,16 miliardi) e colpisce trasversalmente azionari (-1,145 da 1,178 miliardi), obbligazionari (-1,36 miliardi da -734 milioni) e monetari (-1 miliardo circa da una raccolta positiva per 510 milioni). Quella dei fondi di liquidità è la categoria che presenta il bilancio più negativo da inizio anno, in rosso per oltre 7 miliardi.

Deflussi più contenuti per flessibili (-761 da -442 milioni), bilanciati (-360 da -263 milioni) e fondi hedge (-133 da -114 milioni).

In termini di domicilio i riscatti continuano a privilegiare i fondi di diritto italiano (-3,156 miliardi da -1,655 miliardi) ma non risparmiano quelli di diritto estero (-1,5 miliardi da -510 milioni).

Nei primi nove mesi del 2011 il saldo resta tuttavia positivo per gli esteri per quasi 7 miliardi, mentre ammonta a 20,767 miliardi il rosso degli italiani.

Il patrimonio dell'industria a fine settembre si assottiglia infine ancora a 950,179 miliardi da 971,795 miliardi di agosto.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia