Pop Milano tonica su speculazione dopo dichiarazione Bonomi su 2,7%

martedì 4 ottobre 2011 10:09
 

MILANO, 4 ottobre (Reuters) - La speculazione spinge Popolare Milano in borsa dopo la notizia che Andrea Bonomi, tramite InvestIndustrial, ha il 2,7% della banca e le indiscrezioni secondo cui avrebbe intenzione di salire fino al 9,9%.

Il titolo, alle 10, sale dell'1,71% dopo aver sfiorato +5% in avvio, con volumi già pari a un terzo della media mensile sull'intera seduta. La performance è nettamente migliore sia degli indici, che cedono oltre il 2,5%, sia dello stoxx europeo del settore che cede il 4,18%.

"E' il solito appeal speculativo anche dopo la storia che InvestIndustrial punterebbe a salire fino al 10%", dice un trader. Gli fa eco un secondo trader che sottolinea anche "l'estrema volatilità" del titolo negli ultimi giorni.

Intanto sulla banca da tempo è acceso il faro della Consob che ha effettuato nelle scorse settimane una ricognizione sui soggetti accreditati dalla stampa come papabili acquirenti di quote. Questa ricognizione ha prodotto per ora la dichiarazione resa ieri da Bonomi sul possesso del 2,7%, mentre non sarebbero emersi riscontri significativi su altri, spiega una fonte vicina alla situazione.

Inoltre la commissione - come conferma la fonte - ha chiesto una serie di informazioni all'associazione 'Amici della Bpm' tra cui l'elenco degli associati e dei sostenitori e una copia di eventuali accordi tra gli stessi per il voto in assemblea o per la composizione delle liste per il consiglio di sorveglianza o in grado di influire sulla gestione interna dell'istituto.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia