Mediaset pesante in borsa mentre si avvicina nodo Endemol

lunedì 3 ottobre 2011 11:41
 

MILANO, 3 ottobre (Reuters) - Mediaset in forte ribasso, in un mercato debole, mentre indiscrezioni stampa tornano a interrogarsi sul futuro della sua quota nell'indebitatissma Endemol.

Ieri è tornato a scrivere sull'argomento il Sunday Times ipotizzando un passaggio di controllo della società di produzione dagli attuali azionisti (con Mediaset sono presenti al 33% anche Goldman Sachs e il fondo Cyrte di John De Mol) ai fondi hedge che hanno comprato buona parte del suo debito. L'incertezza sul destino di Endemol e sulla partecipazione di Mediaset, scrive oggi Mediobanca in una nota di commento, è negativa per il titolo in un contesto di già scarsa visibilità sotto il profilo della raccolta pubblicitaria.

La scadenza per un accordo tra gli attuali azionisti e i creditori - tra cui compaiono banche come Barclays e Rbs, ma anche hedge fund come Canterbridge, Apollo, Providence, Avenue Capital - è fissata a fine ottobre, escluse eventuali proproghe.

Intorno alle 11,10 Mediaset cede il 3,38% a 2,29 euro con volumi nella media; l'indice milanese FTSEMib è in calo del 2%, i media europei perdeono l'1,9%.

Secondo il Sunday Times, ripreso oggi da diversi giornali italiani, Mediaset potrebbe vedere fortemente diluita la sua quota in Endemol come conseguenza di un piano di ristrutturazione del debito che, attraverso una conversione in azioni dei titoli in mano ai creditori, scenderebbe a 500 milioni dagli attuali 2,2 miliardi. Insieme al passaggio di controllo, ci sarebbe anche un cambiamento del management, scrive il giornale britannico.

Alcuni giorni fa, altri quotidiani inglesi avevano parlato di un interesse di ITV , citando anche contatti con la stessa Mediaset.

Il gruppo di Cologno, che ha acquisito un terzo di Endemol nel 2007 attraverso la sua controllata spagnola , ha per ora sempre ribadito l'importanza, nella sua strategia, degli investimenti in contenuti, pur in una logica attenta ai ritorni economici. A fine luglio aveva detto di non aver ancora deciso nulla su Endemol, ma un mese prima il vicepresidente Pier Silvio Berlusconi aveva ammesso di non essere soddisfatto della gestione troppo finanziaria della società e non aveva escluso la possibilità di un maggiore controllo sulla società. Nessun commento, oggi, sulle ultime indiscrezioni.

"Pensiamo che Mediaset debba metterci soldi freschi solo se potrà assumere il controllo (eventualmente anche con altri partner industriali), mentre preferiremmo che cedesse l'asset piuttosto che mantenere una partecipazione di minoranza", conclude Mediobanca che copre il titolo con "neutral" e target price a 2,86 euro.

  Continua...