SCHEDA - Banche Usa che hanno ricapitalizzato dopo stress test

mercoledì 3 giugno 2009 12:56
 

 3 giugno (Reuters) - Almeno 10 delle principali banche Usa soddisfano due delle
precondizioni per rimborsare i fondi Tarp (Troubled Asset Relief Program), o hanno in
programma di arrivare presto a farlo.
 Si tratta di istituti che hanno offerto al mercato azioni ordinarie o stanno per farlo,
oppure che hanno emesso obbligazioni non garantite dallo stato.
 L'elenco qui sotto riassume i dati delle banche che sono state sottoposte agli "stress
test".
 
 NOME BANCA                FONDI          CARENZA     EMISSIONI      OFFERTA       INTROITO
                        TARP           CAPITALI     AZIONI        DEBITO        CESSIONI
                        (arrotond.)    (verifica                  NON 
                                       stress t.)                 GARANT. 
---------------------------------------------------------------------------------------------
                                       (valori in dollari)
--------------------------------------------------------------------------------------------
 American Express Co (1)    3,40 mld          --        500 mln      3,00 mld         --
 Bank of America Corp (2)  45,00 mld       33,90 mld  21,37 mld      3,00 mld         7,3 mld
 Bank of NY Mellon Corp     3,00 mld          --       1,20 mld      1,50 mld         -- 
 BB&T Corp                  3,10 mld          --       1,73 mld        800 mln        -- 
 Capital One Financial Corp 3,60 mld          --       1,55 mld      1,00 mld         -- 
 Citigroup Inc (C.N: Quotazione) (3)   45,00 mld        5,50 mld      --         2,00 mld        64,5 mld
 Fifth Third Bancorp (4)    3,40 mld          750 mln     --            --            -- 
 GMAC LLC (5)               5,00 mld       11,50 mld   3,50 mld         --            -- 
 Goldman Sachs Group (6)   10,00 mld          --       5,00 mld      2,00 mld         1,9 mld
 JPMorgan Chase & Co (7)   25,00 mld          --       5,00 mld      5,50 mld         -- 
 KeyCorp (8)                2,50 mld        1,80 mld     750 mln        --            -- 
 MetLife Inc (9)              --              --          --            --            -- 
 Morgan Stanley (10)       10,00 mld        1,80 mld   6,23 mld      4,00 mld         596 mln
 PNC Financial Svcs Group   7,60 mld          600 mln    600 mln        --            -- 
 Regions Financial (11)     3,50 mld        2,50 mld   2,09 mld         --            -- 
 State Street Corp (12)     2,00 mld          --       2,2  mld        500 mln        -- 
 SunTrust Banks Inc (13)    4,90 mld        2,20 mld   1,66 mld         --            550 mln
 U.S. Bancorp               6,60 mld          --       2,50 mld      1,00 mld         -- 
 Wells Fargo & Co          25,00 mld       13,70 mld   8,60 mld         --            --
 
 Note:
 (1) prezzato il 2 giugno a 25,25 dlr/azioni, offerta 19,8 milioni ordinarie
 (2) proposta di swap su 9,5 mld dlr titoli preferred in 704 milioni di azioni. Ha ceduto
7,3 mld dlr di pacchetto China Construction Bank (601939.SS: Quotazione) con plusvalenza valutata da
analisti a 4 miliardi. Altri 13,5 mld da offerta di azioni, 2,1 mld di benefici fiscali e 2
mld altri introiti. Da taglio dividendi attesi altri 1,3 miliardi.
 (3) Convertirà 58 miliardi di dollari di preferred (azioni e altri titoli) in ordinarie.
Ha venduto la quota di controllo Smith Barney per 2,75 miliardi cash. Queste operazioni
compensano già lo sbilancio verificato dalo stress test.
 (4) Ha annunciato il 20 maggio l'offerta di 750 milioni di azioni ma l'operazione non è
ancora completata. In programma anche lo lo swap in azioni ordinarie delle privilegiate.
 (5) Il Tesoro Usa ha versato 7,5 miliardi in maggio, di cui 4 miliardi legati a
finanziamenti al consumo per Chrysler.
 (6) Ha venduto 1,9 mld dlr di azioni Industrial and Commercial Bank of China
(601398.SS: Quotazione)(1398.HK: Quotazione), secondo una fonte.
 (7) Il 2 giugno ha annunciato il prezzo dell'aumento di capitale per 142 milioni di azioni
a 35,25 dlr/azione.
 (8) Ha in progetto un aumento di capitale fino a 750 milioni di azioni e possibili altre
misure swap.
 (9) Non ha avuto fondi TARP.
 (10) il 2 giugno ha aumentato il capitale di 2,2 mld dlr, 80,2 milioni di azioni prezzate
a 27,44 dlr di cui Mitsubishi UFJ Financial comprerà una tranche di 16 milioni di titoli. In
maggio aveva venduto 4 mld dlr di azioni e ceduto la quota di MSCI Inc MXB.N, incassando 595
milioni.
 (11) Ha collocato in maggio 1,84 miliardi di dollari in azioni e 250 milioni di
privilegiate a conversione obbligatoria.
 (12) In maggio ha incassato 2,2 miliardi da un aumento di capitale.
 (13) A inizio giugno ha collocato 260 milioni di dollari di azioni e ne prevede 1,4 mld
aggiuntivi. Ha in programma un'offerta di altri titoli per 300 milioni e una swap in ordinarie
per altri 250 milioni.