PORTAFOGLI- Corporate bond attraenti ma serve attenzione-gestori

mercoledì 30 aprile 2008 10:08
 

MILANO, 30 aprile (Reuters) - I differenziali con i titoli di stato consigliano di investire nelle emissioni societarie ma, con la crisi del credito, la cautela è d'obbligo.

La maggior parte dei gestori che hanno preso parte al consueto sondaggio mensile Reuters Lipper sull'allocazione dei portafogli vede opportunità nei corporate bond. Ma non manca chi, come Eurizon Capital sgr, differenzia la scelta di investimento a seconda del merito di credito dell'emittente.

"I livelli raggiunti attualmente dagli spread sono interessanti", commentano da Sella Gestioni, che ha partecipato all'indagine. "Tuttavia, in questo momento, questo tipo di investimento è consigliabile solo nel caso in cui sia possibile mantenere le posizioni in portafoglio in modo stabile".

A differenza di altri asset manager esteri come Investec AM (Investec Group (INVP.L: Quotazione)) - che vedono valore in società con rating speculativo - la leader del risparmio gestito italiano Eurizon Capital consiglia di tenersi alla larga dai cosiddetti "high yield".

"I titoli 'investment grade' appaiono interessanti, mentre gli 'high yield' appaiono ancora a rischio di notizie negative", sottolinea il gestore Alessandro De Carli riferendosi alle pessime performance dei junk bond dei primi tre mesi sotto i colpi della crisi del credito. Secondo Investec, casa che gestisce 25 miliardi in bond e non partecipa al sondaggio,il debito "investment grade" offre il migliore valore relativo sul mercato del credito. Ma i rendimenti delle doppie e singole "B" sono attraenti rispetto ad altre asset class, come le azioni e i governativi, perchè storicamente sovraperformano in fasi di recessione.

L'ultimo sondaggio Reuters Lipper di asset allocation per il mese di aprile sarà pubblicato oggi pomeriggio.