Italcementi, quote Mediobanca e Rcs portafoglio storico - AD

lunedì 28 aprile 2008 14:26
 

BERGAMO, 28 aprile (Reuters) - Le partecipazioni di Italcementi ITAI.MI in Mediobanca (MDBI.MI: Quotazione) e in Rcs (RCSM.MI: Quotazione) rappresentano un portafoglio storico del gruppo e la loro presenza non costituise un problema rilevante per il gruppo.

Lo ha detto l'AD del gruppo bergamasco, Carlo Pesenti, in merito alla proposta avanzata dal fondo Hermes secondo cui Italcementi dovrebbe cedere le proprie partecipazioni in Rcs e Mediobanca pari rispettivamente al 2,3% e all'1,4% circa.

"Rcs e Mediobanca sono per Italcementi un portafoglio storico e anche un valore, ma non sono il problema chiave del gruppo", ha detto Pesenti a margine dell'assemblea che ha approvato il bilancio 2007.

"Abbiamo queste partecipazioni che sono da noi considerate liquidità, per cui quando ne avremo bisogno le cederemo", ha aggiunto.

Il fondo Hermes, nella relazione all'integrazione all'ordine del giorno dell'assemblea di Italmobiliare (ITMI.MI: Quotazione), holding di controllo di Italcementi, aveva sottolineato che la proprietà di quote di capitale in Mediobanca e Rcs, non avendo alcuna attinenza con le attività industriali di Italcementi, "aumenta ulteriormente la complessità e la perplessità degli investitori relativamente alle strategie industriali e finanziarie del gruppo".

Hermes Focus Asset Management Europe (HFAME), che attualmente detiene circa il 2,8% dei diritti di voto di Italmobiliare e il 3,9% delle azioni di risparmio, aveva inoltre criticato alcuni aspetti della gestione del gruppo e la struttura del capitale della holding.

"Ero qui pronto, ma non si è fatto vedere nessuno", ha detto con una battuta Carlo Pesenti.