Consob pubblica quaderno finanza prospettive risparmio gestito

lunedì 28 gennaio 2008 16:27
 

MILANO, 28 gennaio (Reuters) - Consob ha pubblicato un quaderno di finanza sul marketing dei fondi comuni italiani e sulle nuove prospettive del comparto anche alla luce dell'introduzione della Mifid nell'ottica della vigilanza.

Gli autori analizzano nello studio, disponibile sul sito web della Commissione, il possibile affermarsi anche in Italia di un modello distributivo aperto (la cosiddetta "open architecture").

In particolare gli autori partono dagli elementi favorevoli che possono essere rintracciati nel nuovo quadro regolamentare derivante dalla Mifid e avanzano, con l'intento di stimolare la riflessione dei lettori e raccoglierne le valutazioni, alcune ipotesi di policy ispirate ad aumentare la capacità di commercializzazione dei prodotti del risparmio gestito in un'ottica di efficienza anche a vantaggio della platea degli investitori.

Di fronte all'aggravarsi del trend negativo di raccolta - nel solo 2007 il settore ha registrato un deflusso superiore al 10% della massa gestita in fondi aperti -, l'industria italiana del risparmio gestito sembra dover urgentemente riformulare le sue strategie di sviluppo.

In particolare, il settore risente anche della dipendenza da un modello verticalmente integrato di tipo captive per quanto attiene alla distribuzione dei prodotti.

In tal senso, una maggiore autonomia rispetto alle scelte dei gruppi di appartenenza consentirebbe alle Sgr di liberare risorse per l'accrescimento di conoscenze professionali e l'aggiornamento tecnologico, con probabili effetti benefici per quanto attiene alla qualità dell'attività gestoria.

Premessa per l'auspicata autonomia è, tuttavia, la possibilità di ricorrere a canali distributivi alternativi alle reti tradizionali di tipo captive, si legge nello studio.