PUNTO 1 - Italiana Cifa a cordata Zoomlion, Goldman e Mandarin

mercoledì 25 giugno 2008 17:50
 

(Aggiunge dettagli, dichiarazione Mandarin su prezzo)

SHANGHAI/MILANO, 25 giugno (Reuters) - Il fondo italiano di private equity Magenta ha ceduto a un consorzio guidato dai cinesi di Changsha Zoomlion (000157.SZ: Quotazione) il 100% della Compagnia Italiana Forme Acciaio SpA (Cifa), in un deal che crea una leader mondiale dei macchinari per il cemento.

Zoomlion ha presentato un'offerta da 271 milioni di euro con Goldman Sachs GS.MI, Mandarin Capital Partners (ISP.MI: Quotazione) e un altro investitore, secondo dati diffusi in Cina. Ma il valore complessivo dell'operazione, "includendo l'equivalente di circa 240 milioni di euro di debiti, supera 500 mln" aggiunge a Reuters Francesco della Valentina, managing partner di Mandarin, il fondo di private equity creato da Intesa SanPaolo con due banche cinesi).

Il produttore di macchinari pesanti Zoomlion avrà una partecipazione del 60% nel gruppo italiano leader nelle macchine per il calcestruzzo. Goldman (GS.N: Quotazione), Mandarin e il fondo di private-equity Hony Capital avranno il restante 40%, dettaglia una comunicazione inviata alla borsa di Shenzhen.

Molti produttori di macchinari pesanti cinesi stanno rafforzando la propria partecipazione oltreconfine nella speranza di riuscire a competere con leader globali come Caterpillar (CAT.N: Quotazione) e il governo cinese stesso sta incoraggiando le aziende locali a investire all'estero.

L'unione di Zoomlion e Cifa, dice una nota Mandarin, porta alla creazione del più grande produttore mondiale di macchinari per il cemento dal punto di vista dei ricavi.

Magenta ricorda in una nota di aver rilevato il 50,7% di Cifa nel luglio 2006: tra gli altri soci venditori il fondo di private equity Alpha e Banca Intesa (10% del capitale Cifa ciascuno), l'attuale presidente e AD Cifa Maurizio Ferrari (1,8%) e società delle famiglie Mutti, Cerini e Raimondi (27,5%).

Dal momento dell'acquisizione, dice la nota Magenta, Cifa ha incrementato il giro d'affari da 200 milioni di euro 2005 a 360 milioni attesi per fine 2008, con una quota di vendite all'estero superiore al 65% del totale.

Concluso il deal Cifa continuerà ad essere gestita dal management attuale.

Ceduti il 4% del Gruppo Dietiker, in gennaio, e Cifa ora, il fondo Magenta verrà liquidato.