Banche, oltre 20.000 tagli posti lavoro annunciati in due giorni

martedì 2 dicembre 2008 10:05
 

MILANO, 2 dicembre (Reuters) - Continuano i tagli di posti di lavoro nelle banche colpite dalla crisi, nel tentativo di diminuire i costi. Soltanto negli ultimi due giorni sono stati preannunciati 1.150 tagli in Europa e 19.200 in America.

Oggi è stato il turno di Credit Suisse AG CSGN.VX di annunciare il taglio di 650 posti, principalmente nell'investment banking. La notizia è stata data ufficialmente da un portavoce della banca svizzera, che non ha fornito ulteriori dettagli.

E' di oggi anche l'articolo del Financial Times su un piano di Hsbc (HSBA.L: Quotazione) di tagliare 500 posti di lavoro nel quartiere generale di Londra e in altre sedi all'interno di una riorganizzazione delle attività.

I nuovi tagli seguono i pesanti annunci di ieri di JpMorgan (JPM.N: Quotazione) sull'eliminazione di 9.200 posti di lavoro in Washington Mutual WAMUQ.PK, la banca americana fallita lo scorso 25 settembre sotto il peso di 176 miliardi di esposizioni immobiliari e mutui subprime, ed era stata rilevata per 1,9 miliardi di dollari da JpMorgan.

Circa 4.000 posti saranno tagliati entro la fine di gennaio, mentre 5.200 verranno cancellati in seguito, ha detto ieri la portavoce di JPMorgan Christine Holevas.

Anche Bank of America (BAC.N: Quotazione), che ha raggiunto un accordo per acquisire Merrill Lynch MER.N entro la fine dell'anno, ha in programma di tagliare 10.000 posti di lavoro nell'investment banking, secondo un annuncio dato ieri da CNBC.

Anche in questo caso il portavoce della banca non ha voluto dare ulteriori dettagli, rimandando tutto al periodo successivo alla fusione che dovrebbe concludersi il 5 dicembre.

I tagli di questi ultimi due giorni sono gli ultimi di una serie che ha portato alla perdita da settembre di oltre 90.000 posti di lavoro soltanto nel settore finanziario globale.