Pop Milano,per ora piccole alleanze,un sindaco a fondi- Mazzotta

venerdì 18 aprile 2008 08:42
 

MILANO, 18 aprile (Reuters) - Per Pop Milano (PMII.MI: Quotazione) la crescita dimensionale resta un obiettivo strategico, ma i tempi non sono ancora maturi; sono possibili fin d'ora, invece, delle partnership in alcuni settori di business.

A dirlo, in un'intervista al Sole24Ore, è il presidente della popolare Roberto Mazzotta, che, alla vigilia dell'assemblea, offre ai fondi un rappresentante nel collegio sindacale e annuncia l'obiettivo di raddoppiare il numero dei soci.

La crescita dimensionale "resta nell'agenda strategica della banca. Ma nell'immediato è difficile procedere. Non solo per motivi di consenso interno, ma anche per le condizioni di mercato", dice Mazzotta.

"Però possiamo, e dobbiamo, prepararci per raggiungere questo obiettivo strategico avviando, in tempi rapidi, una serie di alleanze nell'asset management, nell'investment banking e anche nell'internet banking", continua indicando come "alleati naturali" le altre banche popolari e il partner Credit Mutuel.

Quanto al rapporto con i fondi, Mazzotta spiega di voler "anticipare eventuali bracci di ferro" proponendo loro di "entrare non nell'organo di gestione ma nel collegio sindacale". Su Algebris, l'ultimo fondo entrato nell'azionariato della banca, Mazzotta dice che "non è iscritto al libro soci e non ci ha inviato lettere con richieste o proposte di alcun tipo".

Secondo il presidente, infine, "la cooperativa deve avviare un percorso di apertura": "abbiamo solo 60.000 soci. Credo che dovremmo cercare di raddoppiarli" cercandoli tra i clienti. "E poi a questa base sociale che esprime il territorio dobbiamo dare rappresentanza in consiglio".