Turnaround, M&C guarda a settore packaging, decine di dossier

martedì 18 dicembre 2007 16:58
 

MILANO, 18 dicembre (Reuters) - Management & Capitali (MACA.MI: Quotazione) guarda con grande interesse al settore del packaging e punta a far fruttare la liquidità che ha in cassa in una fase di "deflazione creditizia" ricca di occasioni di investimento.

Lo hanno detto il presidente del consiglio di sorveglianza, Carlo De Benedetti, e il presidente del consiglio di gestione, Corrado Ariaudo, nel corso dell'assemblea della società di investimenti che ha approvato la riduzione del capitale sociale e l'acquisto di azioni proprie.

De Benedetti ha spiegato che "ci sono circa 410 milioni di euro investiti in strumenti finanziari, c'è l'investimento in Comital Saiag e ci saranno i 60 milioni del prestito obbligazionario a Tiscali (TIS.MI: Quotazione)".

Ariaudo ha citato "obbligazioni di un'azienda tedesca che produce pellicole in polipropilene (Treofan) per 32 milioni di euro", acquistati a sconto e con rendimento dell'11%, "un investimento dal profilo esclusivamente finanziario".

Contrariamente a quanto riportato da un settimanale i bond Treofan non sono convertibili, hanno sottolineato. "E' possibile che Treofan sia il pivot di un rassemblement (negli imballaggi) che stiamo esaminando", per De Benedetti, mentre Ariaudosi è limitato a definirla "un osservatorio sul settore".

Sul sito di Treofan si legge che la società ha emesso, nel luglio 2006, un bond da 170 milioni di euro, scadenza agosto 2013, coupon 11%, che ha rating "CCC+" di S&P.

Ariaudo ha anticipato che M&C chiuderà il 2007 con risultato netto "sopra 5 milioni" Il prestito convertibile a Tiscali, che darà il 5-10% del capitale dell'Isp sardo, nasce da "una valutazione del settore e dei piani industriali (che vede Tiscali)... player importante nell'aggregazione delle tlc".

In tempi di credit crunch "le banche ci sottopongono decine di casi alla settimana", ha spiegato De Benedetti "vogliono qualcuno che, oltre a gestire, metta i soldi".

Pessimista la sua opinione sull'entità di default che riservano i prossimi mesi: "Vedo la quasi impossibilità da parte delle aziende, in difficoltà e non, di trovare soldi" ha detto a margine dell'incontro, sottolineando che "il numero di aumenti di capitale che avviene sul mercato (è) zero".

M&C ha chiesto a Borsa Italiana di "ottenere la contrattazione continua" per aumentare la liquidità del titolo, ha aggiunto De Benedetti parlando ai soci. "Abbiamo la ragionevole convinzione che le nostre argomentazioni verranno tenute in considerazione". M&C è stato il battistrada sul segmento Mtf e scambia solo in due aste giornaliere.

L'assemblea ha nominato l'avvocato Giorgio Fantacchiotti, dello studio Bonelli Erede Pappalardo, come consigliere di sorveglianza in rappresentanza di Cerberus. Dal team di gestione dopo Pierantonio Nebuloni uscirà anche Simone Arnaboldi, ha anticipato infine De Benedetti, portando a soli tre partner il vertice (Ariaudo, Carlo Frau e Alberto Franzone).