Borse Europa - Indici incerti, tengono banche, giù minerari

venerdì 18 luglio 2008 10:28
 

                              indici              chiusura
                          alle 10,00     var%         2007
---------------------------------------------------------------
 DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   3.254,86     -0,04    3.711,03
 FTSEurofirst300 .FTEU3      1.141,72     -0,40    1.314,42
 DJ Stoxx banche          276,61     +0,61      337,67
 DJ Stoxx oil&gas         363,25     -0,81      435,73
 DJ stoxx tech            229,89     +0,69      249,25
---------------------------------------------------------------
 MILANO, 18 luglio (Reuters) - Le piazze europee hanno un
andamento incerto influenzato dai deludenti risultati annunciati
ieri sera da Merrill Lynch MER.N, mentre il prezzo del greggio
nella sessione di ieri è sceso sotto i 130 dollari a barile per
assestarsi ora intorno ai 131 dollari.
 In forte calo l'indice che raggruppa i titoli minerari
, che perde il 2,6%, con l'eccezione di ANTOFAGASTA
(ANTO.L: Quotazione). Stamattina la Cina ha diffuso i dati sulla produzione
di carbone e acciaio di giugno, salite rispettivamente del 17,3%
e 10,2% su base annua.
 L'entusiasmo del settore finanziario, che aveva chiuso
brillantemente la sessione di ieri grazie ai risultati di JP
Morgan (JPM.N: Quotazione), è stato ridimensionato da quelli di Merrill.
Oggi sono attesi i risultati del trimestre di Citigroup (C.N: Quotazione).
 Secondo gli analisti i risultati delle banche non sono stati
così brutti come si temeva, nonostante Merrill, grazie anche al
sollievo dovuto al calo del prezzo del greggio.
 "E' difficile riuscire a dedurre un quadro generale sulla
base dei risultati delle banche, ma si potrebbe dire che sono
più rassicuranti rispetto al contrario", ha detto Thierry
Lacraz, capo strategist alla banca svizzera Pictet.
 "Quelli di Citigroup saranno risultati chiave perchè con
tutta probabilità sono quelli più esposti tra le altre banche ad
asset rischiosi", ha aggiunto.
 A livello macro è una giornata tranquilla: sono attesi i
dati sulla bilancia commerciale della zona euro di maggio, con
un deficit atteso pari a 1 miliardo di euro (ore 11,00).
 Intorno alle 10,00 l'indice inglese FTSE .FTSE perde lo
0,18%, il tedesco Dax .GDAXI guadagna lo 0,18% e il francese
Cac 40 .FCHI scende dello 0,25%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * L'OREAL (OREP.PA: Quotazione) perde il 6,86%, dopo che la società
francese specializzata in prodotti di bellezza ha annunciato un
taglio delle prospettive di crescita per l'intero 2008, perché
colpita da un calo dei consumi in Europa nel secondo trimestre.
 * La catena internazionale di supermercati AHOLD AHLN.AS
cala del 6,84%, per riflesso della sua rivale belga DELHAIZE
DELB.BR ha tagliato le stime dei suoi profitti per il 2008,
crollando del 16,22%.
 * Bene i tecnologici sulla scia dei risultati di NOKIA
NOK1V.HE, che ieri ha diffuso i risultati trimestrali che sono
piaciuti, in aumento dell'1,76%. Sopra l'1% anche ERICSSON
(ERICb.ST: Quotazione), INFINEON (IFXGn.DE: Quotazione) e STMICROELECTRONICS (STM.PA: Quotazione).
 * Tra le banche, continua il rally di NATIXIS (CNAT.PA: Quotazione),
dopo che ieri ha annunciato un aumento di capitale da 3,7
miliardi di euro, che sale del 5,4%. Bene anche ROYAL BANK OF
SCOTLAND (RBS.L: Quotazione), BNP PARIBAS (BNPP.PA: Quotazione), SWEDBANK (SWEDa.ST: Quotazione),
COMMERZBANK (CBKG.DE: Quotazione), LLOYDS TSB (LLOY.L: Quotazione), tutte in progresso.
Territorio negativo, ma con perdite contenute per ALLIED IRISH
BANK (ALBK.I: Quotazione), HBOS HBOS.L, BARCLAYS (BARC.L: Quotazione) - che ha
annunciato i risultati dell'aumento di capitale, in gran parte
sottoscritto da fondi sovrani - DEUTSCHE BANK (DBKGn.DE: Quotazione) e
FORTIS FOR.AS.
 
 * ANTOFAGASTA (ANTO.L: Quotazione) guadagna il 3,6%, ignorando le
difficoltà del settore minerario dopo che Ubs ha alzato il suo
rating a "buy" da "neutral". Male nel complesso le altre società
minerarie con la BHP BILLITON (BLT.L: Quotazione), la ACELORMITTAL MTP.PA
e la RIO TINTO (RIO.L: Quotazione) sono in calo di oltre il 2%.