Telecom, 5 marzo Rbs aveva 3,7%, quota Hopa in pegno,dice Consob

venerdì 14 marzo 2008 13:55
 

MILANO, 14 marzo (Reuters) - Al 5 marzo scorso Royal Bank of Scotland (RBS.L: Quotazione) risultava in possesso del 3,75% di Telecom Italia (TLIT.MI: Quotazione), secondo le comunicazioni ufficiali di Consob oggi.

Una quota detenuta per il 3,467% in pegno e riconducibile a Hopa, sempre in base alle partecipazioni rilevanti Consob. Al 10 aprile 2007 Hopa aveva in portafoglio il 3,7% del gruppo tlc.

Una fotografia fornita da Consob ma ferma al 5 marzo scorso. Perchè ieri una fonte vicina al dossier ha confermato indiscrezioni stampa secondo cui l'istituto britannico ha venduto gradualmente sul mercato quasi interamente la quota Hopa, dopo aver escusso il pegno sulle azioni un paio di settimane fa.

Una nota Hopa, sempre ieri, ha confermato di aver trasferito a Rbs il diritto di voto sul 3,7% di Telecom già in pegno all'istituto. Rbs può quindi procedere "all'eventuale cessione della partecipazione", diceva la nota.

Con il titolo al di sotto di 1,6 euro per azione la holding bresciana era obbligata a reintegrare le garanzie e a consentire a Rbs di escutere il pegno.