Fondi, patrimonio 2007 è salito in Europa oltre 6.200 mld euro

lunedì 10 marzo 2008 17:29
 

BRUXELLES, 10 marzo (Reuters) - L'Europa non conosce l'emorragia dei fondi vista in Italia nel 2007 e per i prodotti Ucits con passaporto comunitario ha registrato un incremento del 4,2% del patrimonio gestito, arrivato oltre 6.200 miliardi di euro.

Lo dicono i dati presentati oggi a Bruxelles da EFAMA, l'associazione dei fondi europei, da cui si rileva una crescita che supera il 10% per i fondi basati in Irlanda e in Gran Bretagna e che sfiora il 10% per quelli basati in Lussemburgo, che da solo copre circa un terzo dell'intero mercato europeo.

I fondi UCITS italiani - secondo i dati EFAMA che non coincidono esattamente con quelli Assogestioni - hanno visto calare del 17,1% i loro asset nel 2007, peggiore performance europea: sono scesi da circa 344 miliardi di euro nel 2006 a 285 miliardi nel 2007 facendo calare la quota di mercato italiana al 4,6%.

"I fondi italiani continuano a soffrire della forte concorrenza di prodotti strutturati e di prodotti bancari, che nel 2007 sono apparsi più attraenti che nel passato", ha commentato Peter De Proft, direttore generale di EFAMA.

"Resta irrisolto il problema delle tasse che continuano a penalizzare i fondi basati in Italia rispetto ad altri paesi europei", ha sottolineato Bernard Delbecque, a capo del dipartimento economico di EFAMA.

Gli asset dei fondi alternativi, tra cui gli hedge funds, sono invece cresciuti in Italia di 6,8 miliardi di euro tra il 2006 e il 2007, dice EFAMA.

Secondo i dati Assogestioni, alla fine del quarto trimestre 2007 il patrimonio degli hedge in Italia era 36,5 miliardi (di cui 29,3 i soli hedge italiani e il resto quasi tutto hedge roundtrip) contro 28,4 miliardi a fine 2006 (di cui 22,5 circa italiani).