PUNTO 1 - Unicredit pesante dopo trimestre e stime 2008

giovedì 8 maggio 2008 09:42
 

(Aggiunge commento analista in quarto paragrafo e in coda precedenti stime su 2008, aggiorna prezzi)

MILANO, 8 maggio (Reuters) - Unicredit (CRDI.MI: Quotazione) in deciso calo a inizio seduta sulla scia dei dati trimestrali e delle stime 2008.

Alle 9,35 cede il 2,84% a 4,8 euro con volumi già grosso modo pari alla media di un'intera seduta. L'indice S%P/MIB scende dell'1%, lo Stoxx dei bancari perde l'1,2%.

"Di fatto si tratta di una sorta di profit warning, l'outlook sul 2008 è deludente", commenta a caldo un trader che cita anche "commenti in arrivo dagli uffici studi che parlano di dettagli della trimestrale peggiori delle attese".

Secondo Cheuvreux, ricavi e risultati operativi del primo trimestre "sono stati deludenti". Quanto al 2008, il broker sottolinea in una nota che "la società ha ridotto le stime di Eps da quelle precedenti - ufficiose e non confermate - di 0,66 euro e le stime di core Tier 1 al 6% dal precedente 6,5% minimo". Si tratta comunque di target "superiori ai nostri", dice Cheuvreux che indica un Eps di 0,47 euro contro un consensus di 0,56.

Unicredit ha indicato per fine 2008 un utile per azione compreso tra 0,52 e 0,56 euro con un Core Tier 1 al 6%.

Il primo trimestre si è chiuso, come già anticipato, con un utile netto di pertinenza del gruppo di 1,007 miliardi in calo del 51%, anche se nel comparto 'commercial banking' segna una crescita del 15%.

Il dato risente dell'impatto della divisione MIB che ha registrato un risultato negativo di circa 1 miliardo sulle attività riconducibili al credito nell'area 'markets' di cui 642 milioni per svalutazioni del portafoglio Abs.   Continua...