PUNTO1-Banche,occhi a patrimonio,target Unicredit a 6,4-JPMorgan

venerdì 6 giugno 2008 13:44
 

(Cambia titolo e attacco, aggiunge dettagli da ricerca)

MILANO, 6 maggio (Reuters) - Per JP Morgan la capitalizzazione delle banche italiane non è ottimale, a causa della recente politica di acquisizioni e di pay out, ma non presenta rischi nel breve.

Lo si legge in una nota di ricerca in cui la banca d'affari ha anche tagliato il target price di Unicredit (CRDI.MI: Quotazione) portandolo a 6,4 euro da 7.

"Il livello di capitalizzazione delle banche europee è un elemento di timore, al momento (..) in questo contesto si può dire che anche la capitalizzazione delle banche italiane non è in forma come è stata in passato - anche per le recenti acquisizioni e la politica di dividendi generosa", scrive l'analista di JP Morgan.

Tuttavia, dice ancora, il livello di capitalizzazione in Italia "non presenta rischi immediati".

Secondo l'analista, "le parole della Bce ("i dividendi e le acquisizioni dovranno essere coerenti con lo scopo di rafforzare il patrimonio delle banche") esprimono un chiaro messaggio". La politica di payout delle banche italiane, dunque, "probabilmente non sarà così generosa, nel prossimo futuro".

Alle 13,15 il settore bancario europeo cede l'1,3% ed è il peggiore in Europa, insieme al paniere di titoli dei trasporti e del leisure. All'interno del paniere peggio Unicredit e Intesa SanPaolo (ISP.MI: Quotazione) cedono l'1,8%.