1 dicembre 2009 / 15:34 / 8 anni fa

Fondi italiani, rendimenti 2008 peggiori della storia-Mediobanca

MILANO, 1 dicembre (Reuters) - L'anno scorso i fondi di diritto italiano hanno accusato le peggiori perdite di tutta la storia dell'industria tricolore, registrando un rendimento medio netto del patrimonio negativo dell'8,4%.

E' quanto emerge dall'indagine di Mediobanca condotta su 1079 fondi facenti capo ai maggiori operatori per patrimonio gestito (27 per i fondi aperti).

Nel 2007 e nel 2006 il rendimento era stato positivo rispettivamente dell'1,3% e del 3,3%.

Record negativo anche per la raccolta l'anno scorso, con deflussi che hanno superato i 65 miliardi di euro per l'insieme indagato dall'ufficio studi di Piazzetta Cuccia.

Il patrimonio a fine 2008 (225,4 miliardi di euro) risultava quasi dimezzato rispetto alla consistenza che aveva nel 1999, con un'incidenza sul Pil che scende al 13,1% dal 41,9%, collocando la nostra industria al decimo posto nel mondo (esclusi Lussemburgo e Irlanda). Nel 2004, quando secondo le statistiche EFAMA il valore del patrimonio gestito dai fondi normalizzati italiani toccò il massimo storico di 376 miliardi, la nostra industria era invece al quarto posto.

I costi di gestione l'anno scorso, infine, sono stati pari all'1,2% del patrimonio per l'aggregato dei fondi rispetto all'1,4% del 2007.

FONDI SPECULATIVI MAGLIA NERA, MALE ANCHE I FONDI PENSIONE

Tornando ai rendimenti 2008, i fondi speculativi indossano la maglia nera con perdite superiori al 19%, seguiti dai fondi di fondi non collegati (-16,3%) e dai fondi pensione aperti (-14%). In rosso anche i fondi pensione negoziali -6,3% (elaborazioni Covip).

Lo studio evidenzia inoltre che, fatto 100 l'anno 2000, i fondi pensione negoziali hanno chiuso il 2008 cumulando un rendimento del 13,7% e quelli aperti hanno subìto una perdita cumulata dell'11,7%; nello stesso periodo, la rivalutazione del TFR al netto delle imposte è stata del 24,4%.

I fondi comuni aperti nel 2008 hanno accusato complessivamente una perdita del 7,2% che risulta dalla media tra i rendimenti fortemente negativi dei fondi azionari (-38,5%), bilanciati (-12,1%) e flessibili (-9,7%), e i valori positivi nel comparto obbligazionario (2%) e di liquidità (2,4%).

In un'ottica di lungo periodo i rendimenti restano insoddisfacenti quando raffrontati con il tasso risk free (Bot a 12 mesi), nota lo studio; nei fondi aperti, la distruzione di valore negli ultimi sette anni è stata pari ad oltre 75 miliardi di euro, essenzialmente accumulati nel 2002 e nel 2008.

((Redazione Milano, +39 02 66129638; RM: mariapia.quaglia.reuters.com@reuters.net; email: mariapia.quaglia@thomsonreuters.com))

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

Top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below