Istituzionali Italia chiedono esposizione a mercato - C.Suisse

giovedì 26 novembre 2009 14:31
 

MILANO, 26 novembre (Reuters) - Nonostante la ricerca dell'extra rendimento riscuota un interesse crescente anche fra gli istituzionali italiani, l'appeal degli investimenti alternativi resta basso a confronto di altri paesi come il Regno Unito e i Paesi Bassi e oggi i professionali in Italia chiedono soprattutto un'esposizione passiva al mercato.

"Pensiamo che il modo più facile di creare delle relazioni profonde e significative con la comunità degli investitori (istituzionali) italiani sia di penetrare attraverso le strategie beta", ha detto a Reuters Remy Kawkabani, managing director di Credit Suisse CSGN.VX alla guida della distribuzione istituzionale in Europa.

"E' ovviamente un'attività con margini bassi ma potrebbe avere volumi giganteschi", ha aggiunto.

Il business degli Etf del colosso svizzero ha debuttato in Italia poco più di un mese fa con il lancio di 17 fondi quotati della gamma Xmtch. L'obiettivo in termini di masse, nel corso dei prossimi 3 anni, è di diventare uno dei primi 3 players in Italia.

"Vediamo interesse e buona risposta da parte della clientela italiana soprattutto sulla gamma fixed income e sui prodotti MSCI Large Cap e MSCI Emerging Markets", ha detto il manager.

D'altra parte, secondo Kawkabani, le gestioni passive, Etf ma anche managed accounts che replicano un indice, sono "il migliore modo per giocarsi la ripresa".

Scartata l'ipotesi di uno scenario a "W", Credit Suisse vede infatti delinearsi una ripresa robusta nel 2010 sostenuta, nei prossimi trimestri, dal ciclo delle scorte.

INTERESSE PER ALTERNATIVI SCOMMESSA DI LUNGO PERIODO   Continua...