Usa, Paulson invoca piano salvataggio multi-miliardario

venerdì 19 settembre 2008 19:57
 

WASHINGTON (Reuters) - Il segretario Tesoro Usa, Henry Paulson, ha invocato un ulteriore impegno da parte del governo nell'ordine di centinaia di miliardi di dollari per salvare il settore finanziario.

"Dobbiamo adottare nuove e decisive misure per affrontare in modo completo le radici della crisi del sistema finanziario", ha detto Paulson nel corso di una conferenza stampa oggi pomeriggio.

"Stiamo parlando di centinaia di miliardi. Questo [intervento] deve essere abbastanza ampio per andare al cuore del problema" ha aggiunto.

Nel primo pomeriggio il dipartimento del Tesoro aveva annunciato un programma temporaneo di garanzia per il settore dei fondi d'investimento monetari fino a 50 miliardi di dollari. Il programma è disegnato per assicurare che circa 2.000 miliardi di dollari di fondi monetari registrati presso la Sec, denominati fondi 2A7, mantengano un valore netto proquota di almeno 1 dollaro.

La crisi ha forzato nelle ultime settimane Lehman Brothers a dichiarare bancarotta, mentre Merrill Lynch è stata costretta alla fusione con Bank of America e il gruppo assicurativo Aig ha ottenuto un imponente finanziamento da parte del governo.

Paulson ha spiegato che queste misure singole non sono sufficienti e ha chiesto ai politici americani di appoggiare il nuovo piano di salvataggio: "Il governo deve intervenire per rimuovere gli asset illiquidi che stanno paralizzando le nostre istituzioni finanziarie mettendo a rischio l'economia", ha detto.

Paulson ha spiegato oggi al Congresso, chiamato ad approvare le nuove misure a sostegno del sistema finanziario la prossima settimana, che il pacchetto di salvataggio a sostegno del sistema creditizio Usa dovrà essere nell'ordine di grandezza di centinaia di miliardi di dollari per avere sufficiente impatto sui mercati.

In attesa che il Congresso Usa vari questo nuovo piano, il segretario del Tesoro ha indicato misure da attuare immediatamente.

"Primo, per assicurare finanziamenti aggiuntivi ai nostri mercati ipotecari, Fannie Mae e Freddie Mac aumenteranno i loro acquisti di titoli garantiti da mutui ipotecari".   Continua...

 
<p>Il presidente degli Stati Uniti George W. Bush con (da sinistra) il presidente della Federal Reserve Ben Bernanke, il segretario del Tesoro Henry Paulson e il presidente del Sec Christopher Cox. REUTERS/Jim Young (Usa)</p>