Borsa Milano chiude in netto calo, pesa ribasso banche, bene STM e Acsm-Agam

giovedì 7 aprile 2016 18:02
 

MILANO, 7 aprile (Reuters) - Piazza Affari chiude in netto ribasso la seduta odierna, vicina ai minimi di seduta, penalizzata dalle forti vendite sul settore bancario che ha ampliato il ribasso rispetto agli altri mercati europei.

"E' un mercato dove mancano gli acquirenti con le banche che zavorrano il listino", osserva un trader.

L'indice FTSMib cede il 2,45% a 16.818,25 punti, l'Allshare il 2,15%. Volumi modesti sull'azionario superiori ai 2,2 miliardi di euro.

L'indice europeo FTSEurofirst 300 perde lo 0,89%, negativa la Borsa Usa.

** In controtendenza STM che sale del 4,31%. I trader citano motivazioni grafiche. Aiuta anche il balzo dell'utile trimestrale annunnciato nella notte Samsung, segno di una buona partenza per il suo nuovo Galaxy S7.

** Pesanti le banche con MPS che cede l'8,09%, BANCO POPOLARE il 7,55%, UBI (-6,27%), UNICREDIT (-5,92%). "Il mercato continua a picchiare sul settore e continuerà a farlo finchè non sarà trovata una soluzione rapida ed efficace per metterle in sicurezza", commenta un trader a proposito delle indiscrezioni che parlano di un piano di sistema sotto la regia del governo su aumenti e Npl.

** Negative anche FIAT CHRYSLER che lascia sul terreno il 3,93% ed EXOR (-2,88%) in un contesto negativo anche nel resto d'Europa (-2,7%).

** Giù anche MEDIASET che cede il 3,7%, con i riflettori che sono puntati sull'accordo dato per imminente per cedere Premium a Vivendi. Mediobanca Securities ritiene che alla fine ci sarà un accordo "che lascerà a Mediaset l'opzione di focalizzarsi sui contenuti, mentre l'uscita dalla piattaforma distributiva di Premium rappresenterebbe un'opzione estremamente interessante da esplorare".

** Infine, strappa ACSM-AGAM che balza del 5,75% sulle attese di M&A. Bene anche A2A (+0,68%) dopo la presentazione del piano ieri.   Continua...