Borsa Milano in calo, debole lusso, Telecom Italia

venerdì 18 dicembre 2015 18:02
 

MILANO, 18 dicembre (Reuters) - Piazza Affari chiude in calo una seduta la cui volatlilità è stata amplificata dalle scadenze tecniche e che risente di prese di profitto dopo il rally della vigilia.

Sul listino milanese hanno pesato in particolare i ribassi dei titoli del lusso, industriali e petroliferi in un contesto di continui ribassi dei prezzi del greggio che penalizza anche la borsa Usa.

L'indice FTSE Mib chiude in calo dell'1,31% ma riesce ad archiviare la settimana con un gudagno di circa un punto percentuale dopo due settimane consecutive di perdite.

L'All Share cede l'1,19%, mentre l'europeo FTSEurofirst chiude a -0,98%. Volumi pari per controvalore a 3,3 miliardi di euro.

** Tra i più venduti nel FTSE Mib i titoli del lusso MONCLER (-3,2%), FERRAGAMO (-2,6%) e LUXOTTICA (-2,2%) mentre in controtendenza YOOX NET-A-PORTER sale dell'1,2% circa.

** Giù TELECOM ITALIA (-2,8%) su realizzi dopo il balzo della vigilia. Sul titolo si riduce la speculazione dopo le dichiarazioni di Xavier Niel che, in un'intervista a 'La Stampa', ha escluso di essere un 'raider' e agire per conto di Orange.

** Tra gli industriali CNH INDUSTRIAL scende del 2,3% circa; realizzi su PRYSMIAN, in calo del 2,6%

** MEDIASET è la peggiore del paniere principale, in calo del 3,3%, con un trader che cita un sentiment negativo sul titolo per timori legati ai risultati della pay tv dopo l'oneroso investimento nella Champions League.

** Nel comparto finanziario in luce ANIMA, in rialzo dell'1,3%. Bene POP MILANO (+0,6%) e MSP (+0.8%).   Continua...