BORSA MILANO chiude in calo con Europa su delusione Bce, si salvano Snam, Terna

giovedì 3 dicembre 2015 17:54
 

MILANO, 3 dicembre (Reuters) - Piazza Affari chiude in forte ribasso una seduta dominata dall'attesa riunione delle Bce le cui decisioni hanno deluso il mercato che si aspettava un potenziamento più deciso del quantitative easing.

Il presidente Mario Draghi ha annunciato un'estensione temporale del programma Qe che includerà nuovi titoli acquistabili ma ha lasciato invariato l'importo mensile a fronte di attese per un incremento.

La Bce ha inoltre varato un nuovo taglio del tasso sui depositi marginali di 10 punti base a -0,30% ma tale decisione era già scontata dal mercato.

"Le decisioni della Bce di oggi non riescono a superare le forti aspettative che si erano formate con estensione temporale e abbassamento del tasso sui depositi più o meno in linea ma senza incremento vero e proprio degli acquisti mensili", commenta Marco Vailati, dell'Ufficio Ricerca e Investimenti Cassa Lombarda.

"Tutto ciò ha scatenato prese di profitto su dollaro, azionario e obbligazionario... in quanto i mercati recentemente si erano già posizionati pesantemente su tali asset", aggiunge.

** L'indice FTSE Mib chiude in calo del 2,47%, e l'Allshare del 2,32%. Il benchmark europeo l'Eurofirst300 lascia sul terreno il 3,09%. Volumi intensi sull'azionario milanese, pari a quasi 4,5 miliardi di euro.

** In deciso calo i titoli del lusso e beni di consumo penalizzati dalla corsa dell'euro dopo le mosse della Bce. LUXOTTICA perde il 4,3% e CAMPARI quasi il 5% con un trader che cita anche prese di profitto dopo i recenti rialzi. Su Camapari pesa anche il giudizio "uderweight" con il quale JP Morgan ha avviato la copertura con un targer price di 7,5 euro.

** Colpito anche il settore bancario con BANCO POPOLARE a -4,3% e POP EMILIA a -3,7% seguite da UBI e INTESA SANPAOLO che arretrano di tre punti percentuale circa.

** Tiene invece MEDIOBANCA (-0,6%) dopo l'acquisizione della rete retail di Barclays da parte della controllata Chebanca!, operazione che gli analisti giudicano positivamente dal punto di vista strategico.   Continua...