BORSA MILANO chiude in leggero ribasso, UniCredit in controtendenza

martedì 20 ottobre 2015 17:56
 

MILANO, 20 ottobre (Reuters) - La borsa di Milano chiude in ribasso con le altre piazze europee in un mercato che guarda alle materie prime, deboli sui timori per la crescita economica globale.

In assenza di un catalizzatore in grado di dare la direzione, gli investitori realizzano i recenti rialzi.

L'indice FTSE Mib ha chiuso in ribasso dello 0,67%, l'Allshare dello 0,57%.

Volumi a circa 2,7 miliardi di euro.

Francoforte è poco mossa, Parigi perde lo 0,5%, Madrid l'1,15%.

UNICREDIT sale dopo l'ipotesi di cessione di asset di Bank Austria. "Se veramente entrano nell'ottica di vendere in maniera seria, allora non c'è più l'ipotesi di aumento di capitale", dice un trader. E' questo ragionamento che guida il rimbalzo.

FIAT CHRYSLER perde più del 2%, a causa di un movimento tecnico dopo i recenti rialzi e in vista del debutto di Ferrari a Wall Street, domani. Il titolo sembra comunque destinato a rimanere sostenuto fino allo scorporo della casa di Maranello, previsto per inizio 2016, che consentirà ai soci Fca di ricevere gratuitamente un'azione Ferrari. Secondo un trader, la questione fiscale con Commissione europea e Lussemburgo non muove le quotazioni.

Ancora positiva ENEL GREEN POWER. Il titolo ha cominciato a salire ieri dopo l'accordo con il fondo F2i "per mettere in comune in una jv le attività nelle rinnovabili in Italia che avrà un impatto positivo sul debito di Egp per 121 milioni".   Continua...