BORSA MILANO chiude in lieve rialzo, bene Fca, miste banche, giù energia

lunedì 19 ottobre 2015 17:53
 

MILANO, 19 ottobre (Reuters) - Piazza Affari chiude con segno positivo una seduta caratterizzata dalla debolezza dei titoli dell'energia a cui si è contrapposta la tonicità di Fiat Chrysler.

La giornata si è aperta con il dato sulla crescita del Pil cinese, sotto il 7% per la prima volta negli ultimi sei anni ma superiore alle attese degli economisti.

L'indice FTSE Mib ha chiuso in rialzo dello 0,37%, l'Allshare dello 0,45%. In linea Francoforte , piatta Parigi, debole Londra zavorrata dai minerari sulla scia del dato sul Pil cinese. Volumi per 2,26 miliardi di euro.

In denaro FIAT CHRYSLER (+1,75%) e la holding EXOR (+2,89%) sull'attesa del prossimo debutto in borsa di Ferrari. "L'interesse sulla quotazione di Ferrari resta molto alto ed è un catalizzatore per la controllante", dice un trader che cita le attese per un pricing sulla parte alta della forchetta.

Per contro è stata venduta CNH INDUSTRIAL (-1,27%). I trader citano motivazioni tecniche alla base del calo.

Tra bancari misti spicca MEDIOBANCA (+2,34%) con volumi leggermente superiore alla media. Un trader cita un report diffuso venerdì da Citi che conferma il giudizio positivo sul titolo dopo un roadshow con l'AD Alberto Nagel; un altro broker sottolinea che le indicazioni del Sole sul breakeven di CheBanca! nell'esercizio in corso sono superiori alle attese. Denaro a macchia di leopardo su alcune popolari come BANCO POPOLARE (+1,57%) o BPER (+1,20%).

ENI (-0,89%), TENARIS (-2,67%) e SAIPEM (-2,59%) hanno sofferto la debolezza del greggio e dei titoli dell'energia (lo stoxx di settore cede l'1,44%).

Riscoperta, ma con pochi volumi, TELECOM ITALIA (+3,16%) dopo aver deciso di riaprire i colloqui con Metroweb.

  Continua...