BORSA MILANO in netto rialzo, maglia rosa Europa, corrono Saipem, Telecom

martedì 15 settembre 2015 17:44
 

MILANO, 15 settembre (Reuters) - Piazza Affari chiude in netto rialzo la seduta odierna, centrando la migliore performance a livello europeo, grazie all'andamento sostenuto di Wall Street, con i riflettori proiettati sulla decisione della Fed sui tassi giovedì sera. "Il mercato si è girato all'improssivo nel tardo pomeriggio. Si punta a un mantenimento dei tassi a livello attuale", osserva un trader.

L'indice FTSEMib sale dell'1,62%, mentre l'Allshare avanza dell'1,39%. Volumi modesti intorno ai 2,5 miliardi di euro nel finale. Il benchmark europeo FTSEurofirst 300 avanza dello 0,99%.

Tonica FIAT CHRYSLER dopo i dati in forte crescita delle immatricolazioni estive in Europa, con il gruppo che ha fatto meglio del mercato e potrebbe chiudere l'anno in utile nell'area Emea. Il titolo sale del 2,68% a fronte del +1,7% del settore europeo (+1%).

Più cauto il rialzo di CNH che si ferma a +0,62%.

Acquisti su TELECOM ITALIA (+3,04%) dopo il netto calo di ieri, mentre perde l'1,58% la controllata INWIT . Indiscrezioni stampa ipotizzano una discesa del gruppo tlc dal 60% a poco più del 30% della società delle torri attraverso la creazione di una holding intermedia aperta a nuovi soci. "Le indiscrezioni potrebbero pesare sull'andamento del titolo Inwit. Ai prezzi correnti, la riduzione della partecipazione in linea con le ipotesi stampa consentirebbe a Telecom Italia di realizzare una plusvalenza di circa 330 milioni, con un incasso di circa 620 milioni", osserva Icbpi.

In gran spolvero anche energia e utility, partiti in sordina stamani, con l'eccezione di A2A (-0,35%) in vista del lancio dell'offerta non vincolante per il 51% di Linea Group. . ENEL guadagna lo 0,85%, fanno meglio ENI in salita del 2,21% e SAIPEM in crescita del 4,31% a un passo da quota 8 euro.

Bene le banche, con INTESA SP in salita del 2,12% e UNICREDIT del 2,46%. Per contro BANCO POPOLARE cede lo 0,1%.

Fra i minori corre TAS con un balzo dell'8,91%.

  Continua...