BORSA MILANO chiude in calo, banche deboli, bene Saipem, giù Ferragamo e Stm

giovedì 23 aprile 2015 17:45
 

MILANO, 23 aprile (Reuters) - Seduta di cauto ribasso a Piazza Affari che contiene le perdite nonostante lo scivolone del Dax tedesco. Gli investitori ragionano sempre sulle evoluzioni della situazione greca e sono convinti che gli attuali corsi siano un po' tirati, preferendo quindi realizzare.

"Il mercato è molto volatile. Oggi i movimenti sembrano più legati alla convinzione che i prezzi siano un po' tirati che a vicende esterne. Di certo impatta anche la Grecia. Una parte degli operatori è convinta che il mercato debba ancora correggere, un'altra che la questione greca non sia del tutto scontata", spiega un trader.

L'indice FTSE Mib termina in calo dello 0,5%, mentre l'Allshare arretra dello 0,54%. Il benchmark Ftseurofirst300 perde lo 0,6%. Volumi per 3,1 miliardi di euro.

Quanto ai singoli titoli: le BANCHE sono generalmente deboli, POP MILANO cede l'1,8%, UNICREDIT (-0,64%) e INTESA SP (-0,91%). MPS cede l'1,56%.

Spunti sugli ENERGETICI, grazie alla ripresa del prezzo del petrolio: SAIPEM balza dell'1,82%, nonostante il broker Investec abbia oggi praticamente dimezzato il target price con giudizio 'sell'. la controllante ENI guadagna lo 0,47%, mentre TENARIS, sensibile al prezzo del petrolio, cresce dell'1,25%.

Forti vendite su STM che lascia sul terreno il 4,43% dopo il balzo di ieri, così come FERRAGAMO (-3,74%) che paga il taglio del target price da parte di Barclays a 31,5 euro da 32 con giudizio 'equal weight'.

Giù anche FINMECCANICA <SIFI,MI> che cede il 3,16%.

Brilla BUZZI UNICEM (+1,91%) dopo che JP Morgan ha alzato il target price a 17 euro confermando 'overweight'.

Fuori dal paniere, BANCA CARIGE guadagna il 4,48% nel giorno dell'assemblea che ha approvato l'aumento di capitale da 850 milioni.   Continua...