BORSA MILANO apre debole con banche su timori Grecia, sale Saipem

martedì 16 giugno 2015 09:22
 

MILANO, 16 giugno (Reuters) - Partenza sotto tono per la borsa milanese, che ieri ha chiuso in ribasso di oltre il 2%: a tenere sotto pressione i listini anche nel resto dell'Europa, in particolare i titoli bancari, è ancora oggi la preoccupazione della Grecia, che spinge al rialzo anche i rendimenti dei titoli governativi della periferia.

Nelle prime battute il FTSE Mib cede lo 0,8% a 22.150 punti, quanto l'indice più generale FTSE All Shares con l'indice paneuropeo FTSEurofirst 300 che arretra dello 0,6%. Ieri il benchmark ha lasciato sul campo l'1,6% a 1.520,05 punti portandosi sui minimi di tre mesi e mezzo toccati settimana scorsa.

Lo spread fra i tassi dei decennali Btp e Bund è tornato stamani ai massimi da novembre toccati brevemente nel contesto di volatilità che ha caratterizzato la seduta di ieri, mentre il tasso sul decennale si è spinto a livelli che non si vedevano da fine ottobre.

Nel mirino delle vendite anche il comparto automotive europeo: secondo Acea maggio ha visto un rallentamento della crescita delle immatricolazioni di auto in Europa (Ue + Efta). Espansione quasi a doppia cifra per Fiat Chrysler (Fca) , sostenuta dalla buona performance dell'Italia. Ma il titolo non festeggia (-1,3%).

Muove viceversa al rialzo SAIPEM promossa oggi a "hold" da "reduce" da Kepler Cheuvreux.

Contengono le perdite utility e petroliferi.

** AZIONARIO ITALIANO ** I prezzi delle azioni trattate sul mercato telematico italiano possono essere visualizzati con un doppio click sui seguenti codici ........

  Continua...