Zona euro, crescita settore privato rallenta oltre attese a settembre - Pmi

lunedì 5 ottobre 2015 10:18
 

5 ottobre (Reuters) - L'attività del settore privato della zona euro ha segnato un rallentamento il mese scorso, con un flusso di nuovi ordini più lento di quanto inizialmente stimato e una più ridotta creazione di posti di lavoro, anche se le società di servizi hanno alzato i prezzi per la prima volta in quattro anni.

"La lettura finale del Pmi è stata leggermente inferiore alla stima flash ma dà comunque un segnale di un'espansione dello 0,4% dell'economia della zona euro nel terzo trimestre", commenta Chris Williamson, chief economist di Markit.

L'indice Pmi composito finale per settembre a cura di Markit si è attestato ai minimi di quattro mesi di 53,6, sotto la stima preliminare di 53,9. Ad agosto si era registrata una lettura di 54,3. L'indicatore resta sopra la soglia di 50 che segnala espansione da luglio 2013.

Il Pmi servizi il mese scorso è sceso a 53,7 da 54,4 di agosto, sotto la stima flash di 54,0.

Un raffreddamento dei nuovi ordini, risultati molto più deboli della lettura flash, ha portato le società ad assumere personale al ritmo più lento da gennaio.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia