Zona euro, crescita settore privato a minimi da oltre un anno - Pmi

lunedì 22 febbraio 2016 10:23
 

LONDRA, 22 febbraio (Reuters) - Il settore privato della zona euro è cresciuto in febbraio al ritmo più lento da oltre un anno, con un andamento inferiore alle attese sia per le aziende manifatturiere sia per quelle dei servizi, consolidando le attese per un nuovo intervento espansivo della Bce già in marzo.

La lettura preliminare dell'indice Pmi composito della zona euro è risultata a 52,7 punti, il livello più basso da 13 mesi, dai 53,6 di gennaio. Le attese elaborate in un sondaggio Reuters indicavano un calo dell'indice più limitato, a 53,3.

"È un dato ampiamente deludente, considerando l'ampio stimolo messo in campo nell'ultimo anno. Le forze deflazionistiche si stanno intensificando" spiega Chris Williamson, capo economista di Markit, la società che elabora il rapporto. "La Bce dovrà fare molto di più, e prima possibile. Potrebbe sorprendere molti in termini di aggressività".

Il sotto indice Pmi relativo ai prezzi praticati è sceso al minimo da un anno di 48,6 da 48,9 di gennaio, ulteriormente sotto la soglia dei 50 punti, che separa le rilevazioni di crescita da quelle di contrazione.

Il Pmi servizi sella zona euro è sceso a 53,0 punti in febbraio, minimo da 13 mesi, dai 53,6 di gennaio, su stime a 53,3. Il manifatturiero si è portato a 51,0 da 52,3, minimo da un anno, su stime fissate a 52,0.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

compiler Markit.