Banco-Bpm, lavoratori votino compatti per 'Sì' ad assemblea fusione - Uilca

giovedì 29 settembre 2016 11:08
 

MILANO, 29 settembre (Reuters) - La Uilca è a favore della fusione tra Bpm e Banco Popolare e invita i lavoratori a partecipare compatti e schierarsi per il "Sì" all'assemblea del 15 ottobre dell'istituto milanese.

L'operazione di integrazione, spiega in una nota il segretario generale del sindacato bancario Massimo Masi, "è importante perché crea valore, anche se in un momento economico difficile per il nostro Paese, e pone al riparo le lavoratrici e i lavoratori della Bpm e del Banco Popolare da scenari pesanti che colpiscono molte banche italiane".

La Uilca ricorda anche gli accordi recentemente raggiunti, in vista della fusione, tra organizzazioni sindacali e Bpm sulle tutele per gli esbueri e lo schema di welfare aziendale.

"Senza questi accordi, come evidenziato nel caso di altre fusioni, i lavoratori correvano il rischio di perdere tali benefici", spiega il Segretario Nazionale Uilca, Fulvio Furlan.

Se i sindacati bancari espressione dell'ampia platea dei soci dipendenti confermano l'appoggio alla fusione, più incerto è invece il consenso dei soci pensionati, il corpo sociale più riluttante all'operazione.

L'Associazione Lisippo per Bpm, che riunisce un gruppo di soci pensionati, è contraria alla fusione e invita i soci a valutare i "tanti aspetti negativi" dell'integrazione e di "decidere senza alcuna paura" alla prossima assemblea, secondo quanto si legge in un volantino distribuito nei giorni scorsi dall'associazione.

"La Banca Popolare di Milano ha la struttura patrimoniale ed economica per restare da sola e realizzare progetti industriali più redditizi e meno 'pericolosi'", o potrà valutare altre "alternative di fusione nel ruolo che merita di banca aggregante", dice Lisippo.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola "Pagina Italia" o "Panorama" Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia