PUNTO 1-Deutsche Bank nega richiesta aiuti Stato. Berlino: no motivi per speculare

lunedì 26 settembre 2016 16:15
 

(riscrive con dettagli)

BERLINO, 26 settembre (Reuters) - Deutsche Bank sostiene di non aver bisogno degli aiuti del governo tedesco per gestire la richiesta di 14 miliardi di dollari di multa da parte degli Usa, relativamente alla vendita di titoli garantiti da mutui immobiliari, mentre il titolo oggi ha toccato il minimo record.

Il giornale tedesco Focus ha scritto nel fine settimana che la cancelliera tedesca Angela Merkel ha incontrato quest'estate il Ceo della banca, John Cryan, per indicargli di non aspettarsi aiuto da Berlino nella disputa con il dipartimento di giustizia americano.

Merkel ha anche escluso aiuti di Stato per l'istituto di credito, secondo quanto scritto dalla rivista, che cita fonti governative.

Ma la banca ha detto oggi di non avere bisogno di aiuto e di non averlo richiesto, poiché è "determinata a far fronte da sola alle sfide che ha davanti".

Il titolo Deutsche Bank ha toccato il minimo a 10,62 euro. Intorno alle 15,50 perde il 6,27% a 10,69 euro.

In una intervista televisiva, il portavoce ha aggiunto che "attualmente non si pone la questione di un aumento di capitale", perché la banca "rispetta tutti i requisiti normativi".

Il portavoce del governo tedesco Steffen Seibert ha detto che non ci sono basi per speculare sull'assistenza del governo a Deutsche Bank.

Il governo tedesco è consapevole che il dipartimento di Giustizia Usa in passato si è accordato con altre banche e Berlino si aspetta un "risultato equo" anche nel caso di Deutsche Bank, ha detto il portavoce durante una conferenza stampa.   Continua...