INSIGHT-Tap, 10.000 ulivi sulla strada del gasdotto, è braccio di ferro Puglia-Governo

martedì 4 ottobre 2016 09:24
 

* Governatore Emiliano: "Spostiamo approdo a Brindisi"

* Elia (Tap): "No a cambio, progetto va avanti"

* Regione chiede revoca autorizzazione unica

di Giancarlo Navach

MELENDUGNO (Lecce), 4 ottobre (Reuters) - Tutto quello che si vede è una guardia giurata, occhiali da sole e cappellino con visiera, che si aggira intorno ai 231 ulivi numerati che saranno "sacrificati" per consentire la realizzazione del gasdotto Tap, la parte terminale del corridoio meridionale del gas che attraverserà sei Paesi per approdare in Puglia.

Un progetto colossale, che prevede un investimento da 45 miliardi di dollari su tre gasdotti per un totale di 3.500 chilometri, ritenuto strategico dall'Europa perché diversifica gli approvvigionamenti di gas rispetto alla Russia e consente di fare del nostro Paese l'hub del gas, potendo contare su 10 miliardi di metri cubi l'anno, espandibili fino a 20 miliardi.

Il primo gas arriverà a inizio 2020 sotto la costa di San Foca, la spiaggia 'Bandiera blu' della marina di Melendugno, nel Salento, proveniente dai giacimenti dell'Arzebajan. Anche se, a poco più di tre anni dalla data di partenza del Trans Adriatic Pipeline, sul versante italiano, non c'è una traccia evidente dell'avvio dei lavori e aumentano i timori che l'opera non sia realizzata nei tempi previsti.

Ci sono difficoltà immediate, come le migliaia di ulivi da spostare, alcuni monumentali, parte integrante del paesaggio della Puglia. E poi c'è una guerra fatta a colpi di carte bollate, ricorsi, aule di tribunale.

Da una parte il governo guidato da Matteo Renzi e il consorzio Tap, dall'altra il governatore della Regione Puglia Michele Emiliano -- non sempre in sintoria con il premier pur militando nello stesso partito, il Pd -- che può contare sull'appoggio del comune di Melendugno, del comitato 'No Tap' e, più in generale, di buona parte della comunità locale, che non si sente tranquillizzata dalle rassicurazioni fornite da Tap sulla compatibilità dell'infrastruttura con il territorio.   Continua...