Mps, per Dbrs aumenta incertezza su aumento, cessione npl con uscita Viola

martedì 13 settembre 2016 15:48
 

MILANO, 13 settembre (Reuters) - Per l'agenzia di rating DBRS, l'improvvisa uscita di scena del Ceo di Mps Fabrizio Viola aumenta l'incertezza sull'operazione sul capitale da 5 miliardi con contestuale cessione di sofferenze annunciata dalla banca a luglio.

Secondo DBRS, il cambio al vertice (favorito è Marco Morelli, attuale numero uno di Bofa Merrill in Italia) probabilmente influenzerà la struttura del piano e la sua tempistica.

DBRS, si legge in una nota, prevede che la cessione degli Npl e il piano sul capitale saranno posposti oltre la data prevista, specialmente considerando la tempistica del prossimo referendum costituzionale, previsto tra novembre e di dicembre.

DBRS considera l'esito del referendum critico per la fiducia degli investitori e l'appetito del mercato per il piano della banca.

L'uscita di Viola non ha immediate implicazioni sui rating di Mps, ora sotto osservazione con implicazioni negative. Il debito Senior a lungo e quello sui depositi è a BB, quello sul debito a breve e sui depositi a R-4. DBRS non assegna rating al debito subordinato.

Durante il periodo di revisione, che è previsto si estenda oltre i tre mesi usuali, DBRS considererà la nomina del nuovo Ceo e qualsiasi potenziale implicazione per la banca. Saranno monitorati anche l'appetito degli investitori e le condizioni di mercato.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia