BORSE EUROPA negative, verso calo maggiore da giugno

lunedì 12 settembre 2016 11:57
 

INDICI                         ORE 11,45   VAR %     CHIUS. 2015
 EUROSTOXX50                    2991,83     -2,01    3267,51
 FTSEUROFIRST300                1337,19     -1,67    1437,53
 STOXX BANCHE                    143,36     -2,95     182,63
 STOXX OIL&GAS                   280,64     -2,16     262,31
 STOXX ASSICURAZIONI             234,41     -2,23     285,56
 STOXX AUTO                      477,89     -2,87     565,06
 STOXX TLC                       296,09     -1,24     347,10
 STOXX TECH                      351,19     -1,8      355,86
 
    LONDRA, 12 settembre (Reuters) - Le borse europee sono in territorio
ampiamente negativo, sulla scia dei mercati asiatici, avviandosi al calo
maggiore da quasi tre mesi mentre gli investitori scommettono su un possibile
rialzo dei tassi a breve termine negli Stati Uniti.
    L'indice paneuropeo STOXX 600 alle 11,45 italiane scende dell'1,73%
a 339,53 punti. L'indice delle banche perde il 2,95%.
    All'inizio del mese lo STOXX 600 ha raggiunto il livello più alto da
gennaio, grazie a un rally di oltre il 10% dopo i minimi toccati in seguito al
voto sulla Brexit. Ma oggi ha il segno meno per la terza seduta di fila, dopo
che dalla Bce non sono arrivate novità su tassi e misure di stimolo.
    Per quanto riguarda le singole piazze, l'indice britannico FTSE 100 
perde l'1,5%, il tedesco DAX l'1,9% e il francese CAC 40 
l'1,9%.
    Sell off in Asia per azioni e titoli di Stato, con i mercati che si chiedono
anche se i programmi di stimolo messi in campo dalle banche centrali a livello
mondiale non stiano raggiungendo i limiti della loro efficacia.
    Tre funzionari della Federal Reserve parleranno oggi, e alcuni investitori
ritengono che prepareranno il terreno per un rialzo dei tassi già la prossima
settimana.
    "I protagonisti del mercato... ritengono possibile un rialzo a settembre",
commenta Ana Thaker, market economist di PhillipCapital UK, dicendo che la
volatilità del mercato avrà un impatto limitato sulla decisione della Fed.
"Penso che la Fed terrà conto dei movimenti del mercato. Comunque non credo che
possano permettersi di basare la loro decisione su questo".
    L'indice di volatilità (+18,8%), un indicatore del nervosismo degli
investitori, è balzato ai massimi dall'inizio di agosto.    
    ** Il titolo della società tedesca del settore energetico E.ON è
quello che perde di più (-13,7%), dopo lo spin off della divisione Uniper.
    ** Il titolo Linde, società tedesca del settore gas, perde il 7,6%
dopo che  la fusione con Praxair è saltata.
    ** Associated British Food lascia sul terreno il 7,9% dopo i
risultati, con i trader che citano scambi fiacchi per il marchio principale
Primark, nonostante la società abbia alzato le previsioni per la seconda volta
in due mesi.
    
    
    Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news
anche su www.twitter.com/reuters_italia