BORSE EUROPA intorno a massimi 3 mesi, giù Ingenico

martedì 6 settembre 2016 12:08
 

INDICI                           ORE 11,55   VAR %    CHIUS. 2015
 EUROSTOXX50                      3085,46      0,25    3267,52
 FTSEUROFIRST300                  1381,03      0,07    1437,53
 STOXX BANCHE                      147,78      0,12     182,63
 STOXX OIL&GAS                     291,04      0,23     262,31
 STOXX ASSICURAZIONI               238,9       0,25     285,56
 STOXX AUTO                        495,18      0,69     565,06
 STOXX TLC                         303,23      0,2      347,10
 STOXX TECH                        362,97     -0,34     355,86
 
    LONDRA, 6 settembre (Reuters) - Le borse europee oggi sono in territorio
positivo e si mantengono intorno al livello più alto da aprile grazie al rally
dei titoli legati alle materie prime, nonostante il tonfo del gruppo francese
Ingenico che zavorra il settore tech europeo.
    L'indice paneuropeo STOXX 600 alle 11,55 italiane sale dello 0,1%.
    Per quanto riguarda le singole piazze, l'indice britannico FTSE 100 
perde lo 0,17%, il tedesco DAX guadagna lo 0,36% e il francese CAC 40
 lo 0,2%.
    "I mercati hanno solo bisogno di qualche prova in più del fatto che
dovrebbero tornare in gara... o liquidare e credo che gli Usa potrebbero darci
una mano oggi", commenta Mike van Dulken, a capo delle ricerche di Accendo
Markets.
    I mercati Usa riaprono dopo la chiusura di ieri per festività.
    ** Ingenico Group, che sviluppa soluzioni di pagamento
elettronico, perde quasi il 13,2% dopo aver tagliato i target annuali sulla scia
di un "improvviso e significativo calo" delle vendite Usa.
    ** Tonfo anche per il titolo del gruppo olandese di fertilizzanti OCI
 (-7%) dopo i risultati del primo semestre.
    ** La società medica tedesca Fresenius SE sale del 3,2% dopo aver
detto che sta acquistando la più grande catena di ospedali privati spagnoli,
Quironsalud, per 5,76 miliardi di euro.
    ** Il rally dei prezzi del greggio continua a sostenere i titoli dei
maggiori produttori come Total (+0,43%), mentre il settore  materie
prime è quello che guadagna di più (+0,6%) grazie a una buona
performance dei minerari.
    
    
    Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news
anche su www.twitter.com/reuters_italia