Risparmio gestito, raccolta trim2 in forte frenata su trim1 - Assogestioni

lunedì 5 settembre 2016 12:39
 

MILANO, 5 settembre (Reuters) - La raccolta dell'industria del risparmio gestito ha segnato un decisa frenata a 935 milioni nel secondo trimestre rispetto alle sottoscrizioni per 27,5 miliardi dei primi tre mesi, con le gestioni collettive in rosso per 1 miliardo a causa dei riscatti su azionari e monetari.

In particolare, secondo la mappa trimestrale dell'industria a cura di Assogestioni, a livello di raccolta promossa i deflussi hanno interessato gli azionari Europa per oltre 1,35 miliardi e i fondi di liquidità in euro per un importo superiore ai 7 miliardi. Un andamento che va contestualizzato ricordando che il periodo aprile-giugno è stato segnato da un nuovo pacchetto di misure accomodanti da parte della Bce - tra cui un ampliamento delle categorie di debito acquistabili sul secondario nell'ambito del "Qe" - dai timori suscitati dal voto dei britannici sulla permanenza nell'Unione Europea il 23 di giugno e dal persistere di un contesto di tassi ai minimi storici.

Robusta viceversa la raccolta dei flessibili (+4,46 miliardi) e degli obbligazionari (+3,9 miliardi circa), catalizzata quest'ultima specialmente da bond corporate "investment grade", "high yield", emergenti e "altre specializzazioni" (fondi caratterizzati da una politica di investimento non rappresentate in altre categorie obbligazionarie).

Il gruppo Generali archivia il periodo con deflussi superiori ai 9 miliardi che il Leone riconduce, in una nota, a "operazioni infragruppo".

Sul fronte gestioni di portafoglio (+1,945 da 14 miliardi dei primi tre mesi) si assiste ad una inversione di tendenza sui bilanciati (a -2,67 miliardi da +2,5 miliardi circa del primo trimestre) e ad una decelerazione sugli obbligazionari. In deciso rallentamento la raccolta delle gestioni di prodotti assicurativi (a 3,79 da 12,5 miliardi) per effetto della frenata di gestioni separate (a 620 milioni da 8,3 miliardi) e altri prodotti assicurativi (-145 milioni da 1,96 miliardi) mentre le unit linked hanno accumulato altri 3,27 miliardi dopo i +2,23 miliardi dei primi tre mesi.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia