Mps, Coop Centro Italia chiede 137 milioni di danni per falsità prospetti- semestrale

venerdì 12 agosto 2016 15:10
 

ROMA, 12 agosto (Reuters) - La Banca Mps riporta nella sua relazione semestrale che Coop Centro Italia ha chiesto complessivamente 137 milioni di danni "assumendo la falsità dei prospetti" degli aumenti di capitale 2008, 2011 e 2014 a cui aveva partecipato come azionista.

La somma richiesta, che risulta unendo le richieste dirette della Coop e a quelle della controllata Coofin, è elencata nella lista di vertenze che la banca senese illustra nella semestrale per dare conto dei potenziali rischi legali.

Nello specifico, la vertenza è stata avviata dalla Coop Centro Italia, con atto del 26 luglio al Tribunale di Firenze e udienza il prossimo 20 gennaio 2017.

Analoghe richieste danni, spiega la stessa banca, sono state avviate anche da altri ex azionisti e investitori, per una ulteriore somma di 49 milioni.

Questi procedimenti giudiziari, spiega Mps, sono legati all'indagine della magistratura sul finanziamento dell'acquisto di Banca Antonveneta, su operazioni finanziarie connesse alle operazioni Santorini e Alexandria, ai precedenti aumenti di capitale eseguiti nel 2008 e nel 2011 e all'operazione FRESH 2008.

Mps dice anche che "le azioni promosse dagli investitori potrebbero aumentare, anche significativamente", anche in termini di richueste di risacimento, "anche a seguito delle risultanze del procedimento penale 29634/14 r.g.n.r. pendente presso il Tribunale di Milano", che coinvolge la banche e in cui si sono costituiti come parti civili 353 soggetti.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia