Greggio, difficile che major europee bilancino cash flow nel 2016 - Fitch

mercoledì 3 agosto 2016 12:19
 

LONDRA, 3 agosto (Reuters) - I risultati semestrali delle major petrolifere indicano possibili "cash flow" largamente negativi per l'intero anno se la media dei prezzi del petrolio resterà più bassa rispetto al 2015, secondo Fitch Ratings.

Questo spingerà al rialzo il leverage nel breve termine, anche se l'agenzia di rating stima un decifit di cash flow in calo nel 2017 a seguito della graduale ripresa del prezzo del petrolio e delle iniziative delle major sul taglio dei costi.

Quattro colossi petroliferi che hanno il rating Fitch (Shell, Total, BP ed Eni ) hanno annunciato i risultati la scorsa settimana con utili operativi in diminuzione a causa della debolezza del prezzo del petrolio.

In media, l'Ebitdax per barile nel semestre delle major è diminuito del 36% anno su anno, con il prezzo del Brent sceso da 58 dollari al barile nel primo semestre 2015 a 41 dollari al barile nel primo semestre 2016, e con i margini di raffinazione contenuti. Anche gli investimenti sono scesi, ma il calo non è sufficiente a bilanciare i flussi di cassa in diminuzione.

Secondo Fitch, la cessione di asset rappresenta una parte importante degli sforzi delle aziende per bilanciare i loro "cash flow". L'agenzia di rating si attende che le cessioni coprano circa un terzo del deficit dei free cash flow post dividendo nel 2016.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia