Mondadori, Marsilio a De Michelis, per Bompiani interesse anche da Amazon-AD

mercoledì 29 giugno 2016 18:03
 

MILANO, 29 giugno (Reuters) - Mondadori procede spedita nel piano di cessione di Marsilio e Bompiani imposto dall'Antitrust con l'acquisizione di Rcs Libri: la prima andrà all'ex socio e fondatore Cesare De Michelis, per la seconda sono arrivate nove manifestazioni di interesse e per settembre si dovrebbe sapere il nome dell'acquirente.

Lo ha detto l'AD Ernesto Mauri a margine dell'assemblea Upa.

Per Marsilio, ha spiegato, "dovendola cedere ci sembrava logico prediligere chi l'ha fondata e guidata tutto questo tempo". De Michelis, dunque, è "un socio naturale". Ora "aspettiamo l'autorizzazione dell'Antitrust che spero arrivi prestissimo".

Cesare De Michelis è entrato nel capitale di Marsilio, fondata nel 1961, con il fratello Gianni a metà degli anni Sessanta e in pochi anni ne ha assunto la guida, mantenendola anche quando Rcs nel 2000 ne ha rilevato la maggioranza. Il gruppo di via Rizzoli ne ha poi preso il pieno controllo prima di cederla con tutta l'area Libri a Mondadori.

Quanto a Bompiani, Mauri ha detto che sono giunte nove manifestazioni di interesse, di cui due estere: Amazon e HarperCollins. Le altre vengono tutte da editori italiani, anche perché l'Antitrust ha espressamente chiesto che gli acquirenti fossero operatori del settore e non investitori finanziari. In lizza anche la neonata Nave di Teseo, fondata dall'ex direttore editoriale di Bompiani Elisabetta Sgarbi.

"Attendiamo le offerte non vincolanti entro la prima settimana luglio e spero entro settembre di sapere chi è il compratore". "E' significativo", ha sottolineato Mauri, "che Amazon sia interessato a una casa editrice che vale il 2% del mercato italiano". In linea di massima, ha però concluso, preferirebbe vendere a un gruppo italiano.

(Claudia Cristoferi)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia