Rinnovabili, in decreto incentivi per 435 mln l'anno - Calenda

giovedì 23 giugno 2016 16:08
 

ROMA, 23 giugno (Reuters) - Il ministro dello Sviluppo, Carlo Calenda, ha detto che il decreto sulle energie rinnovabili firmato oggi prevede incentivi per 435 milioni l'anno fino a comporre 9 miliardi di euro nei prossimi 20 anni.

"Il 50% degli incentivi sarà destinato al rinnovamento degli impianti [che raggiungeranno} la parità tecnologica, il 25% per gli impianti di frontiera, termodinamici e geotermia, e l'altro 25% sarà destinato alle tecnologie dell'economia circolare, come biomasse e parti di scarto", ha detto Calenda in una conferenza stampa a palazzo Chigi con il premier Matteo Renzi e i manager delle tre utility pubbliche: Enel, Eni e Terna.

Sul sito del Mise è pubblicato uno schema sull'utilizzo dei 435 milioni l'anno destinato agli incentivi.

Per il solare termodinamico sono previsti finanziamenti per 98 milioni all'anno e per il geotermico di 37 milioni. Altri 105 milioni all'anno saranno per le biomasse, 29 milioni per i rifacimenti di impianti eolici e idrici.

Agli impianti eolici (on e off shore) e idrici che, grazie ad un minimo di incentivo garantiranno grandi guadagni di efficienza, saranno destinati circa 185 milioni.

Secondo il ministro, l'Italia ha una tecnologia di avanguardia nella geotermia che potrebbe essere venduta all'estero, operazione complessa senza un modello. Quindi i fondi serviranno alla realizzazione dell'impianto di geotermia di seconda generazione.

(Alberto Sisto)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia