BORSA MILANO in calo con banche, volumi sottili in attesa voto Brexit

mercoledì 22 giugno 2016 13:02
 

MILANO, 22 giugno (Reuters) - Piazza Affari chiude la mattina in calo appesantita dal comparto bancario tra borse europee poco mosse alla vigilia del voto britannico sulla permanenza o meno nell'Unione europea.

"Dopo una serie di rialzi i mercati si sono fermati in attesa del referendum di domani, anche i volumi sono calati", dice un trader.

** Intorno alle 12,45 il FTSEMib scende dello 0,66%, i volumi sull'azionario sono intorno ai 750 milioni di euro circa. Il benchmark europeo FTSEurofirst 300 sale dello 0,1%.

** Dopo una buona partenza le banche (piatte in Europa) sono virate in negativo, complici le prese di beneficio. Secondo un operatore il settore risente anche delle indiscrezioni sulle bassissime adesioni all'aumento di capitale di Veneto Banca e della dichiarazione di Quaestio Sgr che Atlante non intende vendere Pop Vicenza. "Sono due gli effetti negativi: l'idea della cessione avrebbe testimoniato l'interesse di eventuali compratori, quindi sarebbe stato un segno di fiducia; in secondo luogo Atlante si troverà molto carico con Veneto e Vicenza e si riducono quindi le sue munizioni per rilevare gli npl delle altre banche", conclude.

** MPS cede l'1,7% (sopra i minimi intraday), BANCO POPOLARE e POP MILANO oltre l'1%.

** In calo ENI, nonostante il lieve rialzo del comparto europeo, stessa sorte per FIAT CHRYSLER.

** Deboli MEDIASET, RECORDATI.

** Scende CAIRO che perde così la parità raggiunta ieri (attraverso il concambio della sua Ops) con l'Opa rivale lanciata su RCS da Bonomi e soci.

  Continua...