Italia, spesa petrolifera 2016 a 13/15 mld con barile a 45/55 dlr - Up

mercoledì 22 giugno 2016 11:00
 

ROMA, 22 giugno (Reuters) - L'Unione petrolifera stima per il 2016 un prezzo medio del petrolio fra 45 e 55 dollari al barile, che in Italia si tradurrà in una spesa per l'approvvigionamento fra 13 e 15 miliardi di euro, inferiore ai 16 miliardi del 2015. L'intera fattura energetica dovrebbe, invece, oscillare fra 28 e 29 miliardi.

"Nei primi cinque mesi del 2016 i consumi petroliferi sono apparsi in leggera crescita, con un progresso dell'1,1%" su anno, si legge nella relazione diffusa in occasione dell'assemblea annuale.

L'associazione delle imprese energetiche italiane spiega che "in questi primi mesi del 2016 il surplus produttivo si è notevolmente ridotto, sia per il rallentamento della produzione degli Stati Uniti che per una ripresa della domanda. Ciò avrà un effetto rialzista sui prezzi soprattutto nella seconda parte del 2016, che si stimano per l'intero anno nella forchetta 4555 dollari/barile".

Con questa forchetta, per il 2016, Up prevede una fattura petrolifera "ancora in discesa: fra i 13 e i 15 miliardi in base all'andamento del cambio e del prezzo del greggio".

"Questo è sarebbe fra i valori più bassi degli ultimi 20 anni in termini reali". Nel 2015 la fattura si è fermata appena sopra i 16 miliardi.

Il risultato sconta anche "il maggior esborso dovuto alla fermata da aprile della produzione nella Val D'Agri, il cui mancato contributo al saldo complessivo può pesare tra gli 800 e i 900 milioni di euro".

L'inchiesta della procura di Potenza sul presunto traffico e smaltimento illecito di rifiuti ha spinto Eni a sospendere l'attività produttiva di Val D'agri, che vale 75.000 barili di petrolio al giorno.

Nel 2015, i dati provvisori di Up dicono che l'intera bolletta energetica italiana è stata di 34,482 miliardi.

(Alberto Sisto)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia