Mps, Gdf esegue misure interdittive verso dirigenti Nit Holdings

martedì 21 giugno 2016 13:43
 

ROMA, 21 giugno (Reuters) - La Guardia di finanza ha eseguito un'ordinanza di applicazione di misure interdittive da funzioni dirigenziali a quattro manager della società cinese Nit Holdings, nell'ambito dell'inchiesta condotta dalla procura di Roma sulla manipolazione del titolo Mps.

Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Roma, Maria Agrimi, ha ritenuto "concreto ed attuale il pericolo di reiterazione del reato di manipolazione del mercato", secondo i documenti visti da Reuters.

L'ordinanza del magistrato inibisce per 12 mesi la possibilità di "esercitare uffici e funzioni di carattere direttivo di società o imprese" e vede quali destinatari quattro manager della società cinese, tra cui il chief financial officer e il procuratore in Italia.

Non è stato possibile avere un commento da Nit Holdings né dai legali che assistono due dei quattro manager.

L'avvio delle indagini risale a novembre 2014, quando le agenzie di stampa diffusero la notizia di un'offerta complessiva da 10 miliardi avanzata da Nit Holdings per rilevare e ristrutturare Mps, che poco prima aveva annunciato un aumento di capitale a seguito dei cosiddetti "stress test".

La Gdf ricorda in una nota che il primo giorno di mercato successivo alla notizia il titolo Mps ha aperto in rialzo del 6,89%, con volumi in forte aumento.

Dagli accertamenti è però emerso che Nit Holdings "fosse in realtà priva" dei 10 miliardi promessi, dicono le fiamme gialle.

"È inoltre emerso come le diverse operazioni che la società cinese tentava usualmente di concludere prevedessero l'acquisizione di azioni, a fronte dello smobilizzo di strumenti finanziari o bank guarantee rivelatesi inconsistenti".

Nella nota si legge ancora che "l'aver fatto credere al mercato che tale offerta fosse invece veritiera ha determinato l'integrazione del delitto di manipolazione del mercato".

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia