Cina, per Msci azioni non ancora pronte per inclusione in indice emergenti

mercoledì 15 giugno 2016 09:11
 

HONG KONG, 15 giugno (Reuters) - La Cina ancora una volta non è riuscita a convincere il MSCI a includere le azioni cinesi nel suo indice sui mercati emergenti e non si sa quando potrà ottenere il via libera dal momento che gli investitori a livello globale hanno sollevato nuove obiezioni.

La società che gestisce l'indice ha annunciato oggi che la Cina ha ancora molto da fare per rendere i propri mercati accessibili agli investitori esteri.

Si tratta di una sconfitta per i politici cinesi che avevano corso contro il tempo per cercare di rispondere alle preoccupazioni del MSCI negli ultimi sei mesi con la speranza di essere inclusi nel Emerging Markets Index, che potrebbe portare 400 miliardi di dollari di nuovi capitali sul mercato azionario cinese continentale nei prossimi dieci anni.

Osservatori e analisti hanno sottolineato che la decisione a sorpresa, il terzo rifiuto consecutivo, mette in evidenza le riserve degli investitori a livello globale per gli asset in yuan e per la capacità di Pechino di portare avanti riforme di mercato.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia