Wind-3Italia, termine per decisione antitrust Ue slitta a 8 settembre

giovedì 9 giugno 2016 12:37
 

BRUXELLES, 9 giugno (Reuters) - L'autorità europea per la concorrenza si prenderà più tempo per valutare l'operazione che prevede la fusione di 3 Italia e Wind, controllate rispettivamente da Hutchison Holding e Vimpelcom .

La Commissione europea ha infatti posticipato il termine per decidere se dare il via libera all'8 settembre dal 18 agosto precedentemente indicato.

"L'estensione temporale è stata decisa dalla Commissione in accordo con le parti", ha dichiarato via mail un portavoce della Commissione europea, senza fornire ulteriori dettagli.

L'operazione ridurrebbe a tre da quattro gli operatori attivi nella telefonia mobile in Italia. Il timore è che questo possa limitare la concorrenza e portare ad un aumento delle tariffe.

Preoccupazioni simili hanno spinto la Commissione Ue a bocciare il mese scorso l'acquisto dell'operatore mobile britannico O2, di proprietà della spagnola Telefonica da parte della stessa Hutchinson, che intendeva fonderlo con la propria sussidiaria britannica Three.

Per cercare di stemperare le perplessità dell'autorità europea, Hutchinson ha messo sul piatto nei giorni scorsi la vendita dello spettro radio e delle torri di trasmissione, per permettere di creare un quarto operatore mobile in Italia, secondo quanto riferito da una fonte.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia