BORSE ASIA-PACIFICO caute ma positive dopo decisioni Pechino

martedì 1 marzo 2016 08:30
 

INDICE                        ORE  8,05    VAR %    CHIUS. 2015
 ASIA-PAC.                     378,78       1,08     411,31
 TOKYO                         16.085,51    0,37     19.033,71
 HONG KONG                     19.276,52    0,86     21.914,40
 SINGAPORE                     2.674,54     0,30     2.882,73
 TAIWAN                        8.485,69     0,89     8.114,26
 SEUL                          Chiusa       --       1.800,75
 SHANGHAI COMP                 2.733,91     1,71     2.850,71
 SYDNEY                        4.922,25     0,85     5.295,86
 MUMBAI                        23.570,47    2,47     26.117,54
 1 marzo (Reuters) - I mercati azionari dell'area Asia-Pacifico si muovono in
segno moderatamente positivo. Le misure monetarie decise a sorpresa dalla Banca
centrale cinese non sembrano ancora aver dato tutto il necessario propellente
per una ripresa dei mercati. Gli investitori dell'area sono rimasti per lo più
alla finestra.
    L'indice MSCI, che non comprende Tokyo, alle 8,00 circa
cresce intorno all'1%. Anche la borsa giapponese ha chiuso in crescita dello
0,37%.
     Alcune delle misure di stimolo annunciate la settimana scorsa dal numero
uno della banca centrale cinese, Zhou Xiaochuan, sono arrivate. Ieri, a mercati
già chiusi, è stato deciso il taglio della riserva obbligatoria per le banche.
La misura, che aumenterà secondo gli esperti di 100 miliardi di dollari la
liquidità, sembra aver lasciato piuttosto freddi gli investitori. 
    L'indice, praticamente non si è mosso così come il, che
raggruppa i primi trecento titoli delle maggiori imprese cinesi. 
    HONG KONG oggi è più dinamica delle borse continentali e viaggia in
territorio positivo verso l'unità. Prada cresce del 2%. 
    SINGAPORE positiva beneficia delle misure di allargamento della
liquidità decise in gennaio dal governo che hanno tonificato i titoli bancari. 
    SEUL oggi è chiusa per festività.
    MUMBAI si muove in decisa crescita dopo la decisione del governo di
fissare al 3,5% l'obiettivo di deficit per il nuovo anno fiscale che partirà dal
1° aprile prossimo. La decisione ha fatto aumentare le aspettative che la banca
centrale indiana possa ribassare i tassi.
    SYDNEY archivia la prima seduta del mese in recupero sospinta
dall'annuncio delle nuove misure di sostegno all'economia fatto dal governo
cinese. Hanno tonificato la borsa i titoli bancari e del comparto delle materie
prime.
    TAIWAN riapre, dopo la chiusura di ieri per festività, in crescita
sfiorando l'1%.
    
    
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su
www.twitter.com/reuters_italia