Hugo Boss, AD si dimette dopo vendite deboli, profit warning

giovedì 25 febbraio 2016 15:59
 

BERLINO, 25 febbraio (Reuters) - L'AD di Hugo Boss Claus-Dietrich Lahrs lascia l'incarico dopo otto anni alla guida della casa di moda tedesca a due giorni dal lancio di un profit warning che ha fatto precipitare il titolo sui minimi da cinque anni.

Martedì scorso il gruppo, di cui la famiglia Marzotto è il primo azionista, ha annunciato vendite più deboli del previsto in Cina e Stati Uniti a inizio 2016 e ha ridotto le stime di fatturato e utile operativo sull'intero anno.

L'annuncio dell'uscita di Lahrs ha dato una spinta positiva al titolo (in rialzo dell'1,1% intorno alle 15,30) che resta comunque in calo di circa il 30% da inizio anno.

Hugo Boss ha detto che inizierà senza indugio a cercare il successore di Lahrs, che lascerà la carica il 29 febbraio. Il manager era entrato nel gruppo nel 2008 dopo che Permira ne aveva acquisito il controllo un anno prima e al fianco dell'operatore di private equity ne aveva guidato lo sviluppo internazionale incrementando le vendite di quasi il 75% al ritmo di 100 nuovi negozi aperti ogni anno. Il gruppo ha però recentemente risentito di un rallentamento delle vendite, in particolare in Cina.

L'anno scorso Permira è uscita completamente del capitale, mentre è cresciuta la partecipazione dei Marzotto, cui si è affiancata anche l'italiana TIP.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia