Terna investirà per rete elettrica 3,3 mld al 2019, crescita cedola 3% annuo

mercoledì 17 febbraio 2016 13:27
 

MILANO, 17 febbraio (Reuters) - Terna investirà 3,3 miliardi di euro nei prossimi quattro anni per lo sviluppo della rete elettrica italiana e l'integrazione della rete acquisita da FS, di cui 2,6 miliardi in Rab con impatto mitigato sulla tariffa elettrica e sull'indebitamento del gruppo grazie anche all'apporto di capitali privati e finanziamenti Ue.

Quanto alla politica dei dividendi, è prevista una crescita annua del 3%, già a partire dal 2015 e per i prossimi quattro anni per arrivare a 22,5 centesimi per azione nel 2019, con un pay out al di sotto del 75%.

Questi i punti principali del piano strategico pluriennale che sarà presentato oggi pomeriggio alla comunità finanziaria a Milano dai vertici della società proprietaria della gran parte degli elettrodotti italiani.

Il valore degli asset regolati (Rab) sale a 14,7 miliardi di nel 2019, con un tasso di crescita medio annuo del 4,6%.

La società punta a promuovere nuovi business nell'ambito delle attività non regolate e lo sviluppo dei servizi per terzi, dei progetti Interconnector e identificazione di nuove opportunità di investimento in Italia e all'estero con un contributo alla crescita dell'Ebitda per circa 200 milioni nell'arco piano.

Il free cash flow cumulato è visto a circa 2 miliardi nell'arco piano. Il rapporto tra indebitamento netto e Rab si manterrà inferiore al 60% in tutti gli anni di piano e ci sarà una graduale riduzione dell'indebitamento netto a partire dal 2018-2019.

Quanto alle stime per il 2016 gli investimenti si attesteranno a circa 900 milioni, mentre i ricavi sono previsti a circa 2,09 miliardi, con un Ebitda di circa 1,52 miliardi. Infine, si prevede un utile per azione (Eps) di circa 28 centesimi di euro.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia   Continua...