Diamanti in banca, Idb vede crescita vendite superiore a 20% in 2016

martedì 16 febbraio 2016 16:32
 

MILANO, 16 febbraio (Reuters) - Idb (Intermarket Diamond Business), società italiana indipendente che colloca diamanti delle qualità più alte attraverso il canale bancario, stima un incremento delle vendite per quest'anno superiore alla crescita del 20% realizzata nel 2015 a 183 milioni di euro.

"Da quello che abbiamo potuto vedere nelle prime settimane del 2016 il ritmo di crescita per quest'anno si preannuncia più forte del 20% del 2015 anche a causa delle turbolenze sui mercati finanziari e alle incertezze create dalla norma del 'bail-in'", ha detto nel corso di una presentazione alla stampa Claudio Giacobazzi, AD della società che dichiara di avere in Italia una quota dell'80% del mercato dei diamanti venduti in banca a scopo di "investimento".

Questo tipo di diamanti, per Idb, sono solamente quelli certificati dai principali istituti internazionali, della purezza più elevata (IF), di taglio brillante rotondo "good" o "very good", colori alti (da D a I) e di grandezza compresa fra 0,5 e 1 carato.

Idb, controllata all'80% da Antinea Massetti de Rico e al 20% da Hile Trust, ha accordi di distribuzione con Unicredit , Banco Popolare, Carige, Unipol Banca, Veneto Banca, Banca Popolare di Bari e Banca Galileo.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia