FinecoBank, sale utile netto, cedola 2015, raccolta mezzo miliardo a gennaio

lunedì 8 febbraio 2016 13:15
 

MILANO, 8 febbraio (Reuters) - Utile netto in crescita di oltre il 27% per FinecoBank nel 2015 definito dalla controllata di Unicredit "il miglior anno di sempre". Un risultato ottenuto grazie "principalmente all'incremento delle commissioni nette e al risultato di negoziazione, coperture e fair value che hanno ampiamente compensato l'incremento dei costi", spiega una nota.

La bottom line si attesta a 191,1 milioni, un risultato in linea alle SmartEstimates Thomson Reuters. Sale anche la cedola, 25,5 centesimi dai 20 centesimi del 2014.

Il gruppo guarda con ottimismo al 2016 dopo un gennaio che ha visto una raccolta per mezzo miliardo (oltre 414 milioni amministrata) ed è stato "uno dei migliori mesi di sempre per il brokerage".

"Siamo molto soddisfatti anche per la crescita del numero di nuovi clienti, a conferma della solida customer experience", ha dichiarato nel comunicato l'AD Alessandro Foti.

Nel mese di gennaio 2016 sono stati acquisiti circa 10.500 nuovi clienti.

I ricavi del periodo ammontano a 544,3 milioni, un incremento del 20,6% sul 2014. Le attese Thomson Reuters erano per 539 milioni. Le commissioni nette registrano una crescita del 26,8% a 248,2 milioni.

L'utile netto rettificato dell'accantonamento al Fondo di Solidarietà e degli oneri per il piano industriale di Unicredit è pari a 193,4 milioni, in aumento del 28,2%.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia